1° Instameet “Leggere la città” Pistoia 2015

Il primo Instameet organizzato a Pistoia da Instagramers Pistoia

Si è appena concluso con molto successo a Pistoia, il primo Instameet  organizzato da instagramers Pistoia, ( i coordinatori Ilaria Gori e Matteo Sichi), il comune di Pistoia e Discover Pistoia, che ha coinvolto  ben 45 instagramers da tutta Italia.

Il Gruppo degli Instagramers al completo

Il Gruppo degli Instagramers al completo

Il raduno è rientrato nell’ iniziativa socio culturale “Leggere la città”, ovvero quattro giorni di incontri, dibattiti, convegni e spettacoli, che avevano come tema  principale lo spazio pubblico, della città di Pistoia, come le piazze, le strade ecc.

Nella stessa giornata, si è svolta anche l’ apertura straordinaria della Chiesa  di San Leone ( di cui io vi avevo già parlato in un altro post), a cura del Fai giovani di Pistoia , con una visita guidata gratuita, aperta a tutti.

 

Alessio alle prese con il cartoncino di Discover Pistoia

Alessio alle prese con il cartoncino di Discover Pistoia

Ad ogni partecipante è stato richiesto di  fotografare cosa più ci colpiva, usando lo speciale cartoncino a forma di foglia, simbolo di Discover Pistoia , il nuovo portale online ,che si occuperà di turismo e marketing del territorio pistoiese, ideato dalla Giorgio Tesi Group, prossimamente online.

Questa originale iniziativa ha catturato fin da subito l’entusiasmo di tutti noi, sfidandoci  a fare la foto più bella, usando il particolare cartoncino, fotografando strade, piazze, piante, monumenti e qualsiasi altra cosa ,condividendo poi il risultato taggando @discoverpistoia con gli hashtag #mydiscover e #discoverpistoia.Le foto più belle saranno poi esposte in una mostra promossa sempre da Discover Pistoia.

La Chiesa di San Leone

La Chiesa di San Leone

L’organizzazione impeccabile, prevedeva una visita alla Chiesa di San Leone, dove abbiamo approfittato, come tutti i presenti, della spiegazioni offerte, da una guida preparata; per me ritornare in quella bellissima chiesa, è stato magnifico, come poter rivedere gli splendidi affreschi,e ammirare l ‘arte barocca, qui molto presente.

La nostra giornata è continuata andando a visitare il Palazzo del Comune di Pistoia, detto  Il palazzo degli Anziani (noto anche come palazzo di Giano) Costruito tra XIII e XIV secolo, è ancora sede del municipio cittadino.

Le cronache raccontano che per l’ ampliamento di   tale palazzo, siano state espropriate le case contigue appartenenti a delle famiglie illustri pistoiesi. Ma il Consiglio Generale decretò che l’ esproprio, dovesse avere un risarcimento per le famiglie, e la stima  del valore delle case, fosse  il risultato di una media aritmetica di tre commissioni differenti. Per una volta l ‘ interesse del privato, superò l’ interesse del pubblico..

La scala trecentesca, all' interno del Palazzo Comunale di Pistoia

La scala trecentesca, all’ interno del Palazzo Comunale di Pistoia

All’ interno visitiamo tutte le varie sale e i vari uffici, fra cui quello del sindaco, con un grazioso balconcino di epoca medioevale. Dentro esiste ancora una scala a chiocciola del 1300, tuttora usata. Il Palazzo del Comune ospita anche il Museo civico, aperto dal giovedi  alla domenica, con opere di degno interesse.

E’ stato possibile visitare anche il Battistero di San Giovanni in corte o Ritondo di Pistoia, che  si trova nella piazza del Duomo, di fronte alla cattedrale, nello spazio dell’antica curtis regia.

 

La Cupola del Battistero Pistoiese

La Cupola del Battistero Pistoiese

È considerato tra le massime espressioni del gotico toscano, in quanto riunisce in sé elementi fiorentini, pisani e senesi, l’ ‘esterno è interamente rivestito di marmo bianco e verde di Prato, questo binomio, si può ritrovare nella maggior parte dei monumenti pistoiesi.Al momento è sotto restauro.

Per pranzo la Giorgio Tesi Group, ci ha offerto un delizioso buffet, di cibi prettamente toscani, a cui i nostri “ colleghi” instagramers non toscani, hanno fatto una bella festa.

Poi siamo stati accompagnati da Nicolò Begliomini il direttore artistico,  nella visita dei vivai dell’ azienda, che è l ‘azienda leader nel settore del vivaismo ornamentale, a livello europeo . La produzione si estende su oltre 400 ettari di superficie  e ad oggi l’azienda conta più di 200 dipendenti fissi distribuiti nel settore…

Il Cornus in fioritura

Il Cornus in fioritura

Siamo stati  dai vivai di Trinci Ivan, specializzati per la produzione  dell’  Acero,   un arbusto originario dell’estremo oriente che cresce come arbusto o piccolo albero e può raggiungere i 6-10 metri di altezza. Al momento i  fiori sono nel massimo splendore;

Il CORNUS è un grande arbusto a foglia caduca, originario della costa orientale degli Stati Uniti, che raggiunge gli 8/9 metri d’altezza e 5/6 metri . Assolutamente splendida la fioritura che sboccia in aprile trasformando il tutto in una enorme nuvola bianca!

 

L' arte topiaria, dei Vivai Romiti

L’ arte topiaria, dei Vivai Romiti

Per finire la giornata, siamo stati ai Vivai Romiti, famosi per la particolare arte Topiaria, ovvero l’arte di potare, modellare, far crescere le piante in tutte le forme richieste dalla fantasia dell’uomo. Vere e proprie sculture verdi, create dalla terra e dalle mani di dotati artisti.

L’ avete presente il film Edward Mani di Forbice? Ecco, voi immaginate di camminare in un enorme parco, e essere circondato da alberi e piante di varie altezze, dalle forme più strane… Un orso gigante, una macchina della formula 1, un dinosauro, e tutte a dimensione reale!!

Praticamente un posto, dove la fantasia la fa da padrone!

 

Gli Istagramers al completo a fine giornata

Gli Instagramers al completo a fine giornata

E così si è conclusa questa nostra nuova esperienza, veramente divertente, e sicuramente istruttiva!

Alla prossima

Elisa

www.girandolina.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(Visualizzato 238 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.

I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.

Commenta per primo!

avatar
wpDiscuz