Conegliano visita alla città del Cima , nelle terre del Prosecco

Nella nostra scoperta delle terre del Prosecco, non poteva mancare  una visita alla città natale di Giovanni Battista Cima, ovvero  l’ incantevole Conegliano, tanto celebrata nei quadri del gran artista!

Conegliano

Conegliano

Si pensa che abbia origini molto remote, in quanto era popolata già 6000 anni fa in epoca tardo-neolitica;nel 1016 divenne fortezza del vescovo di Belluno, e il borgo e la struttura cittadina si sviluppò ulteriormente sotto il dominio Scaligero.Vedrà il suo apogeo sotto la Serenissima e successivamente sotto il dominio della potente famiglia dei Carraresi. Con il passare degli anni la città ha saputo affrontare le distruzioni e i bombardamenti delle due guerre fino a diventare dalla metà del secolo scorso uno dei centri industriali più attivi del Nordest italiano.

Conegliano, il Filo della Storia

Conegliano, il Filo della Storia

Se non sapete cosa vedere a Conegliano, adesso è molto più facile grazie al Filo della Storia, ovvero un semplice filo rosso sulla strada che accompagnerà il turista verso la scoperta dei più bei monumenti o i siti d’interesse della piccola città!E’ molto utile per chi come noi si trova a Conegliano la prima volta e non sa cosa visitare!

COSA VEDERE A CONEGLIANO

Il fulcro cittadino di Conegliano è via XX settembre, l’ antica Contrada Grande, in origine delimitata dalle mura cittadine, dove si affacciano ancora adesso alcuni dei  bellissimi palazzetti rinascimentali ricchi di affreschi e decorazioni. Degno di nota è l’antico Monte della Pietà( ora diventato albergo e ristorante),voluto dalla Confraternita dei Battuti nel 1524 per aiutare i poveri, oppure lo scenografico Palazzo Sarcinelli,dove vengono ospitate delle mostre, (per esempio quando siamo andati noi c’era la mostra Bellini e belliniani) , vi consiglio di dare un’ occhiata al sito questo è il link: http://www.mostrabellini.it/)fino alla piazza principale del paese, Piazza Cima.

Conegliano, il Duomo

Conegliano, il Duomo

La Piazza è da sempre il centro nevralgico della città e sede delle tante manifestazioni che  qui vi vengono organizzate, prima fra tutte la festa della Dama Castellana che rievoca i tempi bui e le sanguinose contese tra feudi e feudatari. Nella prima metà del 1200 i coneglianesi riuscirono a mettere in ginocchio gli invincibili trevigiani. Forti della sconfitta i coneglianesi si fecero trasportare dai perdenti fino al castello, salendogli in groppa come fossero dei somari.

Circa due secoli più tardi quella gloriosa sconfitta venne ricordata con la grande festa della Dama Castellana, organizzando giochi e competizioni. Una tradizione che è stata  mantenuta nei secoli e ancora oggi vissuta con sfilate in  meravigliosi abiti dell’epoca , sbandieratori, i tamburini e le trombe chiarine di Conegliano che fanno da contorno alle esibizioni acrobatiche e teatrali dei gruppi ospitati accompagnati da giochi di fuoco, luci e spettacoli pirotecnici; il tutto per culminare con la meravigliosa partita a scacchi  in Piazza Cima con il pavimento fatto a scacchi proprio come per il gioco della dama e  che adotta le stesse regole con le pedine bianche e nere che vanno ad eliminarsi, solo che in questo caso al posto delle pedine si trovano figuranti viventi.

Nella piazza si trovano anche i più bei palazzi simbolo di Conegliano, come il Teatro dell’Accademia della metà del 1800,dove vengono presentati spettacoli favolosi e Palazzo Da Collo al cui interno è inglobato l’Oratorio dell’Assunta.

Conegliano, il Duomo e la Sala dei Battuti

Conegliano, il Duomo e la Sala dei Battuti

In Contrada Grande si trova anche   il Duomo, cuore religioso della città, con la sua originale facciata con al suo interno la Sala dei Battuti ,i membri della Confraternita il cui nome deriva dalla pratiche di autoflagellazione dei suoi membri, dediti all’assistenza ai poveri e ai bisognosi. Questa sala rappresenta uno dei monumenti più interessanti della città, insieme alla Sala del Capitolo impreziosita da cinque arazzi di fattura fiamminga di notevole pregio!

Conegliano la Casa Natale di Giovanni Battista Cima

Conegliano la Casa Natale di Giovanni Battista Cima

La fama di Conegliano è legata molto al pittore Giovanni Battista Cima, che qui era nato e molto importante è poter visitare la sua piccola casa natale che si trova in via G.B. Cima (che fantasia); purtroppo per anni è rimasta abbandonata ma grazie al mecenatismo del signor Camillo Vazzoler è possibile ora visitarla, e ammirare le riproduzioni dei quadri dell’artista . Ricordo che la Casa Natale del Cima è visitabile tutti i giorni!

Conegliano e il Castello

Conegliano e il Castello

Ma sicuramente il monumento per me più bello di Conegliano è sicuramente il suo piccolo Castello che fiero in cima al colle domina tutta la città! Esso conserva ancora la Torre della Campana che un tempo custodiva la campana magna  che serviva a chiamare la popolazione per i consigli cittadini! Il Castello è visitabile fino alla sua terrazza  in cima e oggi ospita il Museo Civico .

Conegliano e il panorama visto dall' alto

Conegliano e il panorama visto dall’ alto

Nel corso dei secoli il piccolo castello ha subito vari rimaneggiamenti in base al periodo storico e sotto quale potenza comandasse in quel periodo, al periodo scaligero infatti risale il potente mastio, mentre la cella campanaria storicamente posto di vedetta risale alla metà del XIX secolo. Dalla piccola piazzetta del Castello si può sorseggiare un buon Prosecco in uno dei tanti tavolini del bar all’aperto, ammirando un favoloso tramonto!

Ma se siete amanti del rito dell ‘aperitivo e del mitico spritz, potete scendere di nuovo in Via XX settembre oppure andare in Piazza Cima, e entrare nella miriade di localini lungo la strada… Qui l’ aperitivo è un arte e non si scherza e potrete avere  l’occasione di poter degustare il famoso vino Prosecco di Conegliano, famoso in tutto il mondo che ha dato origine al primo itinerario dei vini in Italia, “La strada del vino Prosecco”.

Conegliano e il Convento di San Francesco

Conegliano e il Convento di San Francesco

Prima di lasciare Conegliano, salite un po’ sopra la Piazza Cima fino al Convento di San Francesco (visitabile su richiesta), del complesso conventuale che comprendeva due chiostri e la chiesa dei francescani è rimasto solo il  magnifico e scenografico chiostro maggiore con le arcate. Da lassù si può avere anche un ottima visuale della città!

Spero che con questa guida vi sia stata utile per conoscere la piccola città di Conegliano!

Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il Consorzio di Promozione Turistica Marca Treviso

Alla prossima con gli altri articoli su #marcatreviso

Elisa

ww.girandolina.it

 

(Visualizzato 103 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.

I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.

Commenta per primo!

avatar
wpDiscuz