Alla scoperta del Borgo di Orta San Giulio, e dell’ isola sul Lago d’Orta

Pochi giorni prima di partire per il nostro favoloso week end sul Lago Maggiore alla scoperta delle Isole Borromee, in televisione c’è stato il programma “Le Meraviglie- la Penisola dei Tesori”, presentato dal mio mito Alberto Angela, che aiuta a scoprire  quei tesori che si trovano sul nostro territorio italiano, ma che per la maggior parte, sono sconosciuti ai più…

In questo specifico caso,  parlava di una curiosa  piccola isoletta, l’ Isola di San Giulio che si trova sulle acque del Lago d’Orta non molto distante dal Lago Maggiore ( dove saremmo andati  noi) ,  e del mistico borgo di Orta San Giulio, considerato tra i borghi più belli d’Italia per l’interesse artistico e culturale, in  quanto si trova in un contesto scenografico che lo rende unico.

l’ Isola di San Giulio, Lago D'Orta

l’ Isola di San Giulio, Lago D’Orta

Ovvero all’estremità di un promontorio che da oriente si protende verso le acque del Lago d’Orta: un punto strategico ed oggi uno dei palcoscenici ideali da cui ammirare il piccolo specchio d’acqua.

I due laghi sono divisi dal Monte Mottarone,e  distano solo 35 km  l’ uno dall’altro, quindi ne  ho subito incluso la visita  mentre tornavamo verso casa nostra, curiosa di scoprire un’altra meraviglia italiana.

Poco prima del Borgo Orta di San Giulio si può tranquillamente parcheggiare nei tanti parcheggi pubblici, 2 si trovano nel Piazzale Prarondo e un altro più vicino al centro ( che si raggiunge tramite una scenografica scalinata), si trova nelle vicinanze del Minigolf , zona Stretta di San Rocco.

Appena si entra nelle piccole viuzze caratteristiche, strette e tortuose, chiuse al traffico si possono ammirare i tanti e ricchi  palazzi signorili in stili diversi, ma anche i  negozi e  i locali.Qui si può andare alla ricerca di oggetti in ferro battuto e pranzare nelle taverne dove assaporare la tipica cucina a base di risotto e vino.

Borgo di Orta San Giulio, le viuzze

Borgo di Orta San Giulio, le viuzze

Tutte le stradine culminano nella Piazza Motta ,cuore del borgo, proprio sulla punta del promontorio.

Borgo di Orta San Giulio, Piazza Motta

Borgo di Orta San Giulio, Piazza Motta

La piazza, oggi dedicata a Mario Motta, partigiano del Cusio, è il salotto di Orta, cuore della vita cittadina: qui pensate sin dal 1228, al mercoledì, si svolge il mercato, e  vengono proposti concerti e altre manifestazioni ed eventi culturali.

Un lato della piazza si affaccia direttamente sul Lago d’Orta , e si ha anche una bella visuale dell’Isola di San Giulio facilmente raggiungibile dai traghetti che salpano da qui ogni 5 minuti.

Mentre i 3 lati rimanenti sono chiusi da vecchi palazzotti, da portici e da ippocastani, degno di nota sul lato settentrionale, c’è il Palazzo della Comunità, o Broletto: risalente  al 1582 è il vecchio Palazzo Comunale  con al primo piano, accedendo da una scalinata esterna, un unico salone dove si riuniva il Consiglio della Comunità della Riviera, antico sogno di indipendenza del Cusio per concessione dei vescovi novaresi.

Il biglietto del traghetti per L’isola di San Giulio costa 2,00 euro a tratta a persona e ce ne sono uno ogni 10 minuti circa.

l’ Isola di San Giulio, Lago D'Orta

l’ Isola di San Giulio, Lago D’Orta

L’Isola ha  un perimetro di solo 650 metri, e è  abitata solo dalle monache benedettine nel vecchio Palazzo dei Vescovi, sovrastato dalla Basilica di San Giulio, che ne custodisce le spoglie nella cripta. Una strada percorre ad anello tutta l’isola, la cosiddetta Via del Silenzio e della Meditazione a seconda di come si percorra, con cartelli che invitano alla preghiera.

Se avete ancora voglia di camminare, proseguendo dalla Salita alla Motta, si può andare a visitare il Sacro Monte di Orta uno dei luoghi “più suggestivi del mondo”, e entrato dal 2003 nel Patrimonio Mondiale dell’Unesco insieme agli altri Sacri Monti del Piemonte di cui fa parte , insieme a  Belmonte, Crea ( che noi abbiamo visitato poco tempo fa), Domodossola, Ghiffa, Oropa,  e Varallo.

Esso è un percorso devozionale progettato nel 1591 e dedicato a San Francesco d’Assisi: la Riserva Naturale Speciale che lo ospita include boschi di faggi, tigli e pini. Alla sommità, a ca. 400 metri di altitudine, dopo un percorso di 20 cappelle che raccolgono ben 376 statue in cotto che illustrano la vita del santo, si trova la Chiesa di S. Nicolao. Il complesso include affreschi di Morazzone, Della Rovere, Nuvolone, Legnanino, Cantalupi.

Borgo di Orta San Giulio, gli scorci

Borgo di Orta San Giulio, gli scorci

Che dite merita una visita questo Lago D’Orta???

A noi è piaciuto davvero tanto e ve lo consiglio se capitate da quelle parti!!!

Se vi è piaciuto questo articolo e ci avete letto fino a qua, continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook per essere sempre informati sui nostri aggiornamenti.

Oppure se vi piacciono le nostre foto, seguiteci su Instagram!

Abbiamo anche un bellissimo canale YouTube, volete viaggiare con noi attraverso i nostri video?

Alla prossima

Elisa

 

 

(Visualizzato 31 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.

I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.
avatar