Cronaca dell’alluvione a Vernazza nell’ottobre del 2011 che l’ha distrutta

Anche se era da anni, che non tornavo più a Vernazza, mi è sempre rimasta nel cuore il suo ricordo, e non potete immaginare come mi sono sentita, quando ho appreso dell’ alluvione, che ha colpito le Cinque Terre, ma maggiormente Vernazza e Monterosso, nell’ ottobre del 2011!

I miei zii, dovevano essere li per il  loro consueto week end autunnale, ma all’ ultimo momento mia zia, non se l’ e’ sentita di andare, ( premonizione, o destino?), e quando ha ricevuto la terribile telefonata, erano proprio a casa mia. Ci sono volute ore, per capire cosa era successo, le comunicazioni e i telefoni erano bloccati, e le notizie arrivavano in modo frammentario.

Solo in tarda serata, abbiamo avuto la conferma, della tragedia che aveva colpito Vernazza!!

Già dal mattino infatti, pioveva incessantemente, e tutte le strade del borgo erano diventate dei veri e propri fiumi, ma nessuno poteva prevedere, la gravità di quello che stava per succedere.

Il Cartellone esplicativo dell' alluvione di Vernazza

Il Cartellone esplicativo dell’ alluvione di Vernazza

Appena dopo pranzo, un costone di collina a monte, si è letteralmente staccato, rotolando giù a valle e portandosi dietro tutto quello che incontrava sul suo cammino, fra cui anche il parcheggio principale del paese, pieno di macchine e camion degli abitanti del paese, che insieme all’ acqua e il fango, si sono riversate, nel piccolo canale d’ acqua alla Fontana Vecchia, che tracimato, ha iniziato a scorrere lungo la via principale del paese, fino alla Piazzetta e al mare.

Ben presto però il fango e le macchine hanno fatto tappo, nel sottopassaggio della ferrovia, e così l’ acqua e il fango hanno iniziato a salire di livello fino a passare sopra la ferrovia e i suoi binari, arrivando a essere una mostruosa ondata nera di quasi 6 metri di altezza, che incessantemente scorreva lungo la via del paese, portandosi via tutto quello che trovava; addirittura la forza e la pressione dell’ acqua hanno sradicato il bombolone del gas principale del paese, che ha oscillato pericolosamente lungo le stradine del borgo, con il pericolo che scoppiasse da un momento all’ altro!

Nel frattempo gli abitanti di Vernazza, hanno iniziato a scappare lungo i carugi più alti del paese, sono stati messi in salvo anche i turisti stranieri presenti, facendoli entrare nelle case più alte, o accompagnandoli lungo le scale più alte. Purtroppo ci sono state 3 vittime di questa tragedia.

Persone che io conoscevo di vista, che non hanno fatto a tempo a scappare, e sono state portate via dall’ ondata senza poter fare niente.Il tutto è durato poche ore, lasciando dietro ,solo la disperazione e la distruzione totale di tutti i negozi e i piani terreni delle case.

Stessa identica cosa, abbiamo saputo in seguito è successa nel borgo di Monterosso, con conseguenze terribili, più o meno simili a Vernazza

A miei zii è stato permesso di andare là solo dopo dieci giorni dalla tragedia, poiché le strade e la ferrovia erano ancora impraticabili, e l’ accesso al paese era possibile solo dal mare, con i battelli dell’ esercito e della protezione civile.

La via principale di Vernazza, invasa dal fango

La via principale di Vernazza, invasa dal fango

Mi hanno poi raccontato, che sembrava di trovarsi in un paese post bomba atomica.

Il livello della strada era salito di circa 5 metri, a causa del fango dell’ ondata, che si era poi seccato e solidificato; loro stessi, che hanno la casa al secondo piano, sono entrati dalla finestra affacciata sulla via principale, semplicemente scavalcando il cornicione, ( ricordo che si parla di un altezza di circa 6 metri dal livello stradale).

In casa, avevano circa 20 cm di livello fangoso, che li ha costretti a gettare tutti i mobili e gli utensili, e perfino il pavimento aveva degli avvallamenti, causati dalla pressione del fango penetrato nel piccolo negozio sottostante.

La gru, nella spiaggia della Marina

La gru, nella spiaggia della Marina

La spiaggia della Marina, non esisteva più, in quanto il fango aveva fatto arretrare il mare, per diverse decine di metri, e al suo posto c’era un enorme piattaforma, con una gru e un’ escavatrice, che cercava di dragare il mare,e di liberare tutti i rottami accartocciati delle macchine.

Uno spettacolo spaventoso insomma!

Però i vernazzani, sono un popolo di persone con un temperamento molto forte, si sono arrotolati le maniche, e hanno iniziato a ripulire il proprio paese, e a farlo tornare con una parvenza di normalita’, tanto che dopo qualche mese, la situazione sembrava essere tornata come prima.

Vernazza con la nuova spiaggia, prima e dopo l' alluvione

Vernazza con la nuova spiaggia, prima e dopo l’ alluvione

Anche i miei zii, hanno dovuto fare dei lavori di ristrutturazione alla loro casetta, praticamente partendo da zero, ristuccando tutti i muri, impregnati d’ acqua e dall’ umidita’, rifare tutti gli impianti elettrici , e ricomprare tutti i mobili quindi oltre il dispiacere, anche il danno economico!!!

Al momento,  Vernazza è tornata come prima, forse anche meglio, sono stati aperti tanti nuovi negozi e attività, e come conseguenza positiva della tragedia, e’ stata creata una nuova spiaggia, a causa di tutti i detriti accumulati nella parte laterale della scogliera.

I lavori di manutenzione e ricostruzione della strada continuano ancora, e il parcheggio che è crollato, non esiste più, infatti per arrivare a Vernazza, è sempre meglio servirsi del treno, o dei battelli.

Anche la casetta dei miei zii, dopo i lavori è tornata come nuova, e la curiosità di vederla, insieme alla voglia di rivedere la “ mia “ Vernazza, dopo tanto tempo, ho convinto Alessio a passare un week end, insieme ai miei zii, che già erano là.

Così un sabato mattina partiamo in macchina verso La Spezia, da dove prenderemo il treno per Vernazza. Purtroppo la maggior parte dei parcheggi alla Spezia sono a pagamento, e la tariffa oraria varia, in basa alla distanza dalla stazione, ( in pratica quelli più vicini costano di più rispetto a quelli più lontani!)ma se siete perseveranti nella ricerca, e avete pazienza, si può trovare parcheggi liberi, poco lontano la stazione, a circa 10 minuti di camminata, al di là della galleria , dove ci sono dei quartieri residenziali con tantissimi parcheggi gratuiti.

Si è vero, c’e’ un po’ da camminare, ma pensate a quanto risparmierete, ( tipo se come noi, dovevate lasciare la macchina 2 giorni e una notte!)
I treni per le Cinque Terre, partano all’ incirca ogni 20 minuti , che è poi il tempo che occorre per arrivare a Vernazza da La Spezia.

Appena arrivati, troviamo subito mio zio ad aspettarci alla stazione, e ci accompagna a casa , dove mia zia mi fa trovare la mia adorata focaccia all’ olio, un tipo di schiacciata che solo qui si trova, e che è buonissima!!.Già appena arrivata, mi rendo conto dei cambiamenti subiti dall’ ultima volta che c’eravamo stati: innanzitutto l’ enorme cartellone commemorativo della recente alluvione, poi negozi di ogni tipo sbucati come funghi, ristoranti in ogni angolo, e centinaia di persone che passeggiavano lungo i carugi.

Ma rimango più piacevolmente sorpresa, per la casetta dei miei zii, che in pratica è tornata come nuova!!!Subito dopo pranzo, mi affaccio alla “mia “ finestra, dove da piccola solevo affacciarmi per vedere fuori, e parlando con mia zia, mi accorgo di nuovo dei vari cambiamenti, e di come il flusso dei turisti, sia come triplicato.

Mio zio dice che giornalmente sbarcano dai battelli del Ventegà circa 1000 persone al giorno, più quelle che vengono con il treno, e che “invadono” Vernazza, impedendo letteralmente in determinate ore della giornata, di camminare!!

L' inizio della frana

L’ inizio della frana

Questi turisti mordi e fuggi, in poche ore visitano il piccolo borgo, occupando tutti i posti liberi nella piccola spiaggia, o sulla scogliera, e facendo shopping nei negozi.

Sicuramente e’ una grossa manna, per l’ economia del paese, ma secondo me, migliaia di persone al giorno, in questi piccoli paesi, portano anche grossi problemi per i cittadini, ad esempio la ressa continua, e la spazzatura lasciata a terra da turisti stupidi e maleducati!!

Il pomeriggio, nonostante il brutto tempo, decidiamo di passeggiare, fino alla zona della frana, che causò l’ ondata di fango; fa ancora impressione vedere la collina con lo squarcio di terra!!!

 

 

Le onde sul Ventegà!!!

Le onde sul Ventegà!!!

Terminiamo la nostra giornata, al Ventegà godendoci un bellissimo tramonto sul mare, visto che nel frattempo il tempo era migliorato!

Da qui, negli anni, quando pioveva,ho assistito a un mare in tempesta bellissimo e allo stesso tempo terrificante; passavo delle ore affascinata a guardare la potenza delle onde, che si infrangevano sugli scogli, onde altissime e spesso pericolose, che in passato avevano risucchiato anche persone che come me assistevano a tale spettacolo della natura.

Infatti negli ultimi anni, erano stati presi provvedimenti a riguardo, e transenne e corde, impedivano il passaggio nei tratti più pericolosi!!
La sera mio zio ci ha portato a cena in un ristorantino all’ inizio di Vernazza: la Trattoria da Sandro, cibo tipico ottimo, e cortesia e affidabilità dei camerieri e del servizio!!!Provate gli spaghetti allo scoglio, FAVOLOSI!!!( come del resto tutto!).
Poi nanna, anche perche’ la vita notturna ,qui non è presente ,non ci sono locali o pub, per intenderci, ma solo la tranquillità e la pace, che questo piccolo borgo, regala, quando anche l’ ultimo dei turisti se ne va!

Girandolina pescatrice

Girandolina pescatrice

Che dire, Vernazza mi è sempre rimasta nel cuore, per me ricorda la mia adolescenza, e avere condiviso anche questo negli anni con Alessio, lo ha reso ancora più prezioso!!!

Se vi è piaciuto questo articolo e ci avete letto fino a qua, continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook per essere sempre informati sui nostri aggiornamenti.

Oppure se vi piacciono le nostre foto, seguiteci su Instagram!

Abbiamo anche un bellissimo canale YouTube, volete viaggiare con noi attraverso i nostri video?

Alla prossima

Elisa

 

(Visualizzato 572 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments