Monaco di Baviera: visita a famosi Castelli della Baviera

Il nostro hotel per il pernottamento era lo stupendo SchlosshotelLinderhof, ovvero il vecchio capanno di caccia del Castello Linderhof, ristrutturato e adibito a albergo dopo la misteriosa morte del re Ludwig II.

Il nostro hotel, SchlosshoteLinderhof

Il nostro hotel, SchlosshoteLinderhof

Per decreto reale infatti a seguito del suo decesso, era possibile visitare tutti i castelli del re, e dopo la costruzione della ferrovia nella zona, nel 1900 ci fu il primo assalto di turisti, si decise allora di ristrutturare il Capanno e le zone limitrofe per accogliere gli ospiti.
Non vi dico la mia emozione nel dormire li, io da sempre innamorata delle storie delle principesse e principi, mi sembrava anche a me di essere una di loro.

La mattina ci siamo svegliati presto perche’ nei programmi della gita organizzata non c’era la visita al Castello di Linderhof, ma io non potevo andare via senza averlo almeno visto da fuori, cosi’ costringo il povero Alessio a un ‘alzataccia, e poi correndo andiamo al Castello.

Schloss Linderhof

Schloss Linderhof

Il Castello di Linderhof e’ il piu’ piccolo dei castelli di Ludwig II, ma quello che rappresenta di piu’ la passione del re per la Francia e l’ ammirazione che provava per il re Luigi XIV, e per la regina Maria Antonietta , tanto da farsi mettere una sua statua nel parco ( si dice che ogni giorno le accarezzasse il volto).

Il lusso la fa da padrone negli arredi interni del palazzo, sebbene fosse stato concepito principalmente come residenza privata, e’ presente anche una sfarzosissima sala del trono.

Degli stupendi giardini alla francese e terrazze all’ italiana circondano il palazzo con un grandissimo parco con bellissime fontane.

E’ presente anche una grotta artificiale con una lago, che ricorda l’ immagine della grotta di Venere; in questo lago Ludwig II amava fare gite in barca su un imbarcazione a forma di romantica conchiglia.
La figura di Ludwig II e’ stata molte volte criticata negli anni, re dall’ animo romantico e malinconico, amava la poesia e la solitudine, infischiandosene degli impegni politici e statali, e dilapando le casse reali facendosi costruire castelli degni delle fiabe, testimonianza ne e’ il castello di Neuschwainsten.

Non si e’ mai sposato, anche se e’ stato brevemente fidanzato con la cugina Sofia, sorella dell’ Imperatrice Sissi, al cui era profondamente legato.Probabilmente omosessuale, ha passato la vita cercando di dissimulare i suoi veri istinti sessuali,vivendo una vita solitaria e molto triste.Le circostanze della sua morte sono tuttora misteriose,molti ne danno colpa alla sua “suddetta pazzia”.

Schloss Neuschwainsten

Schloss Neuschwainsten

Fatto un veloce giro per il parco del castello ci affrettiamo poi a ritornare per rincontrarsi con il nostro gruppo, destinazione Fussen, una piccola cittadina ai piedi delle alpi, famosa per la sua vicinanza ai castelli di Hohenschwangau e Neuschwainstein.

Parcheggiamo al parcheggio sottostante i due castelli e ci avviamo subito verso il castello piu’ famoso al mondo ovvero Neuschwainstein o detto anche il castello delle fiabe( non a caso Disney ne prese spunto per il castello della Bella Addormentata nella sua fiaba).Si puo’ decidere di raggiungere il castello che si trova su un piccolo sperone di roccia, a piedi ( circa mezz’ora di camminata), con una navetta che fa la spola o trainati da calessi con cavalli.

Schloss Neuschwainsten dal MarienBrucke

Schloss Neuschwainsten dal MarienBrucke

Noi optiamo per la navetta e arrivati in cima andiamo subito al Marienbrucke, il ponte in ghisa che attraversa la gola di Pollat, uno strapiombo di 90 metri, da qui si ha una splendida visuale del castello, e si possono fare bellissime fotografie.Questo castello e’ forse il piu’ famoso dei castelli di Ludwig, fu ultimato solo dopo la morte del re, e vi fu abitato solo per 172 giorni .

E’ stato costruito in quasi 30 anni su ispirazione di un castello in Turingia.

Scloss Hohenschwangau

Scloss Hohenschwangau

Proprio davanti c e’ l’ altro castello Hohenschwangau, acquistato dal nonno di Ludwig II, fu restaurato e divenne il castello dell’ infanzia di Ludwig, e di permanenza nell’ attesa della costruzione dell’ altro castello.

Entrambi i castelli meritano una visita, perche’ sono veramente bellissimi.

Per mangiare non vi preoccupate, nella valle sottostante, ci sono numerosi ristoranti o bar dove potersi rifocillare.

Dopo un pomeriggio cosi’ esaltante con molto riluttanza siamo rimontati sul nostro bus per il viaggio di ritorno, ma vi posso assicurare che come all’ andata abbiamo fatto un bel pisolino tutti.

Se vi è piaciuto questo articolo e ci avete letto fino a qua, continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook per essere sempre informati sui nostri aggiornamenti.

Oppure se vi piacciono le nostre foto, seguiteci su Instagram!

Abbiamo anche un bellissimo canale YouTube, volete viaggiare con noi attraverso i nostri video?

Alla prossima

Elisa

 

 

(Visualizzato 1.289 volte, 1 oggi)
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x