Nel 2019 ricorre il cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci

La Valle della Loira e la Toscana omaggiano il cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci

L’anno prossimo che verrà, il 2019, sarà un anno molto importante dal punto di vista storico!

Si ricorreranno infatti  importantissimi anniversari, come la nascita a Firenze di Caterina de’ Medici (nipote di Lorenzo il Magnifico) e  del Rinascimento italiano,( del quale il suo illustre nonno fu un grande fautore); sono trascorsi esattamente 5 secoli dall’inizio della costruzione del Castello Reale di Chambord ( uno dei castelli più belli della Valle della Loira)e infine a maggio del 2019 ricadono i 500 anni dell’anniversario della morte di uno degli artisti più famosi di tutti i tempi, il genio Leonardo da Vinci.

 Viva Leonardo Da Vinci! 500 anni di Rinascimento nel Centre –Val de Loire"

Viva Leonardo Da Vinci! 500 anni di Rinascimento nel Centre –Val de Loire”

La Valle della Loira, dunque, si prepara a celebrare al meglio questo anniversario col progetto “ Viva Leonardo Da Vinci! 500 anni di Rinascimento nel Centre –Val de Loire” con centinaia di manifestazioni e  eventi di respiro internazionale  in collaborazione con la Regione Toscana, terra di nascita del Maestro.

Le celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo coinvolgeranno 11 Paesi in 3 continenti per tutto il 2019..

Con questo progetto si vuole  unire la tecnologia contemporanea e i capolavori dell’epoca, in un unione senza tempo fra scienza e arte, per riportare le nuove generazioni a visitare i Castelli della Loira in un modo più interattivo e digitale , come una specie di accelerazione verso l’arte futura, un po’ come fece lo stesso   Leonardo da Vinci grazie al  suo genio d’avanguardia .

La Gioconda il celebre dipinto di Leonardo da Vinci

La Gioconda il celebre dipinto di Leonardo da Vinci

La Valle della Loira stessa,è stata il centro nevralgico del cambiamento grazie anche al regno di Francesco I che amava invitare a corte le menti più incredibili. Grazie a queste personalità  esperti nelle arti e nelle scienze, intellettuali e umanisti illuminati  sia nel Rinascimento francese che nelle  successive epoche, è stato possibile costruire  molti chateaux, oggi meraviglia turistica mondiale.

Leonardo Da Vinci  giunse nella Valle della Loira, ad Amboise (che accoglie la sua tomba), nel 1516, per vivere gli ultimi tre anni della sua vita al castello di Clos Lucè.

Qui fondò una scuola e insieme ai suoi allievi si dedicò alla pittura, all’architettura, alla filosofia e alla scenografia, accogliendo  altri artisti e influenzando la moda e l’arte del momento .Al Castello di Clos Lucé, realizzò e organizzò grandi feste reali, con decorazioni ed effetti speciali e automi.

Si pensa che  Leonardo portò con sé qui  anche la Gioconda, ( l’iconico  dipinto dall’enigmatico sorriso), che potrebbe essere stata poi acquistata, assieme ad altre opere, da Francesco I.

Un secolo dopo fu ritrovato tra le opere delle collezioni reali francesi e più tardi  il Re Luigi XIV fece trasferire il dipinto a Versailles, ma dopo la rivoluzione francese venne spostato al Louvre. Napoleone Bonaparte lo fece mettere nella sua camera da letto, ma nel 1804 tornò al Louvre dove è rimasta .

Mostra "Gli Occhi della Gioconda" di Alberto Angela

Mostra “Gli Occhi della Gioconda” di Alberto Angela

Del mistero della Gioconda e del genio di Leonardo da Vinci ne ha parlato recentemente anche Alberto Angela nel suo libro “Gli occhi della Gioconda”, che ha provato analizzando ogni singolo dettaglio del dipinto,a svelare l’identità della donna raffigurata e gli eventi e le circostanze in cui Leonardo lo realizzò

Il libro è stato presentato con una mostra proprio a Vinci città natale di Leonardo, che proprio in vista del Cinquecentenario della morte dell’artista, si prepara a festeggiare il suo genio.

Le manifestazioni per il 2019 sono tantissime e comprendono anche destinazioni e percorsi dedicati a ogni esigenza,  e ad ogni gusto,  dall’appassionato dell’arte,  a quello della scienza e della cultura.

Mostra "Gli Occhi della Gioconda" di Alberto Angela

Mostra “Gli Occhi della Gioconda” di Alberto Angela

E poi mostre, convegni scientifici internazionali, itinerari nel patrimonio, supporti audiovisivi, laboratori ecc

Per esempio un nuovo dispositivo unirà scenografia fisica e mediazione digitale innovativa Ovvero grazie alla realtà aumentata e il lavoro di specialisti del XVI° secolo, con  tablet, i visitatori potranno ammirare gli interni di alcune sale di  castelli , come  a 360°, come essere lì realmente all’epoca del Rinascimento.

Questo sarà possibile nel Domaine nazionale di Chambord, nel Castello Reale di Blois, nella Città Reale di Loches, nel Castello reale di Amboise e nella Fortezza Reale di Chinon.

Inoltre  dal 2 maggio al 31 agosto 2019, al castello di Amboise sarà ospitata l’installazione dal titolo 1519, Morte di Leonardo da Vinci: la costruzione di un mito e il 29 settembre, a Clos Lucé sarà organizzato il Festival Europeo di musica rinascimentale, ma gli appuntamenti (tutti notevoli) solo oltre 500 in tutta nell’area.

Io come sapete bene adoro i castelli e appena ne ho possibilità faccio di tutto per visitarne il più possibile, quindi credi che l’anno prossimo sarà proprio l’anno giusto per poter visitare la Valle della Loira!!!

Mostra "Gli Occhi della Gioconda" di Alberto Angela

Mostra “Gli Occhi della Gioconda” di Alberto Angela

E voi? Che ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!!

Se vi è piaciuto questo articolo e ci avete letto fino a qua, continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook per essere sempre informati sui nostri aggiornamenti.

Oppure se vi piacciono le nostre foto, seguiteci su Instagram!

Abbiamo anche un bellissimo canale YouTube, volete viaggiare con noi attraverso i nostri video?

Alla prossima

Elisa

(Visualizzato 96 volte, 2 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.

I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.
avatar