Ostensione Sacra Sindone 2015 prenotazioni

OSTENSIONE SACRA SINDONE A TORINO 2015

 

Tutte le info pratiche per la prenotazione dell’Ostensione della Sacra Sindone di Torino

In questi giorni la città di Torino, si prepara a ricevere l’orda di fedeli e turisti che accorreranno a vedere l’ ostensione della Sacra Sindone, ovvero il  lenzuolo di lino  che secondo la tradizione religiosa cattolica, sia il Lenzuolo citato nei Vangeli che servì per avvolgere il corpo di Gesù nel sepolcro.Essa si trova nel Duomo di Torino.

duomo torino

Duomo Torino

La Sacra Sindone è un tessuto a spina di pesce delle dimensioni di circa m. 4,41 x 1,13, contenente la doppia immagine accostata per il capo del cadavere di un uomo morto in seguito ad una serie di torture culminate con la crocefissione. L’ immagine è come un negativo stampato sulla stoffa, con delle linee nere strinate e da una serie di lacune: sono i danni dovuti all’incendio avvenuto a Chambéry nel 1532.

Verità o leggenda, sicuramente la Sindone per le caratteristiche della sua impronta, rappresenta un contatto immediato che aiuta a comprendere e  riflettere la drammatica realtà della Passione di Gesù. Per il momento questa tradizione, anche se ha trovato numerosi riscontri dalle indagini scientifiche sul Lenzuolo, non può ancora dirsi definitivamente provata.

 

LA STORIA DELLA SACRA SINDONE:

Gli storici sono d’accordo nel ritenere documentata con sufficiente certezza la storia della Sindone a partire dalla metà del XIV secolo: risale infatti al 1353 la prima testimonianza storica .Si parla infatti della Sindone, in quegli anni, a Torino, poi varie vicissitudini , la portano a Lirey, dove si pensa fosse stata portata dal Cavalier Goffredo di Charny; poi ne prese possesso una sua discendente Margherita di Charmy, che si rifiutò  di renderla alla Chiesa. Prima di morire ella la vendette ai Duchi di Savoia.

I Savoia conservarono la Sindone nella loro capitale, Chambery, dove nel 1502, fecero costruire una cappella apposita, e ottengono dal Papa, il culto pubblico della Sindone. Un incendio rischiò di rovinare per sempre la Sacra Reliquia, che fu messa in salvo, e affidata  alle suore clarisse di Chambéry, che la riparano applicando dei rappezzi alle bruciature più grandi e cucendo il lenzuolo su una tela di rinforzo.

Dopo aver trasferito la capitale del ducato da Chambéry a Torino nel 1562, nel 1578 il duca Emanuele Filiberto decide di portarvi anche la Sindone. Da allora  non viene riportata più a  Chambery, ma resterà per sempre a Torino

Nel 1694 viene collocata nella nuova Cappella della Sacra Sindone, cappella appositamente costruita, edificata tra il Duomo e il Palazzo reale dall’architetto Guarino Guarini: questa è tuttora la sua sede.Solo durante la seconda guerra mondiale, venne  nascosta nel santuario di Montevergine in Campania.

Nel 1993, un altro incendio rischiò di compromettere nuovamente la Sindone, ,le fiamme si dipanarono nella Cappella, ma fortunatamente la Sindone era stata provvisoriamente trasferita, per consentire i lavori di restauro della Cappella stessa.

Io ho avuto modo anni fa di andare a Torino ( come vi ho già scritto in questo post), e visitarne il Duomo, e vedere  la Cappella, dove essa è custodita, dietro una teca, con vetri antiproiettili.L’ entrata è gratuita.

L’ Ostensione si terrà  dal 19 aprile al 24 giugno 2015. Il periodo previsto è più lungo (67 giorni) rispetto a quello di altre esposizioni del Telo; ma si è voluto, in questo modo, mettere a disposizione più tempo possibile ,sia per la visita del Papa (annunciata per il 21 giugno) sia per il pellegrinaggio  dei fedeli.

È possibile prenotare la propria visita alla Sindone e  la visita e la prenotazione sono completamente gratuite,e   si può effettuare, sia per visite singole o di gruppo. Al termine della procedura verrà rilasciato un codice che, insieme al cognome, si potrà utilizzare per modificare o eliminare la prenotazione.

Il percorso di visita alla Sindone sarà aperto tutti i giorni dalle 7.30 alle 19.30

La navata del Duomo di Torino

La navata del Duomo di Torino

Solo nei giorni di sabato 20 e domenica 21 giugno non è possibile prenotare la visita: il Duomo resterà chiuso per ospitare il pellegrinaggio dei giovani , e la preghiera di Papa Francesco di fronte alla Sindone nel corso della sua visita a Torino. Mercoledì 24 giugno, ultimo giorno di ostensione, non sono previste visite: al mattino il Custode mons. Nosiglia presiede in Duomo la Messa di chiusura nella festa di san Giovanni Battista, patrono di Torino.

Durante le celebrazioni è possibile entrare in Duomo dalla porta centrale, fino ad esaurimento dei posti.

Inoltre, tutti i giorni dell’Ostensione dalle 7 alle 19.30 è possibile, senza prenotazione, entrare in Duomo dalla porta centrale.

I fedeli in visita alla Sindone, faranno un percorso per raggiungere il Duomo lungo 850 metri e quasi completamente coperto. Il punto di accoglienza e accesso è in viale dei Partigiani, poi i pellegrini attraverseranno i Giardini Reali alti e la manica nuova di Palazzo Reale; una sosta è prevista nei padiglioni della pre-lettura per la preparazione alla visione del Telo (proiezione di immagini con dettagli) prima di entrare nella cattedrale e potersi fermare qualche minuto davanti alla Sindone.

All’uscita del percorso si trovano altri servizi come il bookshop ufficiale dell’ostensione in piazza Castello all’angolo con via Palazzo di Città (funziona anche come centro per prenotazioni in giornata) e le «penitenzierie», dove accostarsi al sacramento della Confessione.

Ricordo di  arrivare al punto di accoglienza in viale dei Partigiani 15 minuti prima dell’orario indicato sul biglietto di prenotazione.

 

Questo è il sito per la prenotazione all’ Ostensione della Sacra Sindone.

Spero di esservi stata utile.

Elisa

www.girandolina.it

 

 

 

 

 

 

 

(Visualizzato 205 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.

I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.
avatar