Tour settimanale alla scoperta delle città nella Toscana settentrionale

Un pratico tour fra le città toscane di Firenze, Pistoia, Prato e Lucca

Abitare in Toscana, significa abitare in una delle regioni italiane con il più alto flusso di turisti in visita,e con le città fra le pìù famose al mondo, come Firenze, Siena o Pisa; per questo sono spesso chiamata a rispondere a richieste di informazioni turistiche  da parte di conoscenti o amici!

Ho deciso allora di scrivere una serie di articoli dedicati alla mia Toscana con esempi di tour dalla durata di 6/7 giorni divisi  per zone.

VISITARE LA TOSCANA SETTENTRIONALE

Firenze , Ponte Vecchio

Firenze , Ponte Vecchio

Iniziamo dalla Toscana settentrionale, che comprende tutto il territorio  che si trova a nord dell’Arno, e che include Firenze  con la sua bellezza rinascimentale ,e  i panorami rasserenanti delle iconiche colline toscane ricche di uliveti intorno Fiesole. Le enormi distese di capannoni industriali di Prato, la città del tessitoria italiana per antonomasia, fino ad arrivare ai paesaggi aspri e selvaggi delle Alpi Apuane da dove viene estratto uno dei materiali più famosi al mondo come  il marmo di Carrara. I mille colori delle serre e dei fiori di Pescia continuando poi per Pistoia  la città dei vivai, un piccolo gioiellino dall’assetto urbano medievale pressochè intatto. Infine la cerchia intatta delle mura di Lucca , i ruderi dei castelli della Lunigiana, e le ville nobiliari della Lucchesia. E infine  i bagni di sole e di mare della Versilia, meta del jet set internazionale, fino alle piste innevate dell’Abetone, il complesso sciistico più grande dell’ Italia centrale.

COME MUOVERSI NELLA TOSCANA SETTENTRIONALE

Ci sono ben 3 autostrade che servono questa zona; la A11 Firenze-Mare che segue il corso del fiume Arno; la A12 Genova-Rosignano Marittimo  che serve la Versilia; e la A15 della Cisa che risale la Lunigiana.Numerose anche le strade statali come le SS64 Pistoia -Bologna , la SS12 fra Lucca e l’Abetone, la SS1 Aurelia sulla costa tirrenica e la SS62 della Cisa a La Spezia.

Buoni sono anche i collegamenti ferroviari affidati alla linea Firenze-Pisa-Livorno, al tratto toscano della Genova-Roma e alla linea La Spezia -Parma. Esiste anche un ben ramificato servizio di pullman che raggiunge anche i borghi dell’Appennino.

Vi ho stilato un programma completo di 6 notti/7 giorni, alla scoperta della Toscana settentrionale basandomi sulla mia personale esperienza  da persona che vive proprio in queste zone ( abito in provincia di Pistoia, a pochi km da Firenze).

MA ECCO L’ITINERARIO:

1° giorno/3 °giorno Firenze : 3 giorni  sono il tempo minimo da poter dedicare alla bellissima città di Firenze, capoluogo toscano, e culla del rinascimento italiano.  Se decidete di raggiungere la città con la macchina, ricordo che non ci sono molti hotels vicino al centro dotati di parcheggi interni., e i pochi parcheggi pubblici sono a pagamento ( e molto salati), e sono principalmente quelli vicino alla Stazione di Santa Maria Novella, oppure vicino al Mercato di San Lorenzo.

Comunque in qualsiasi modo decidiate di arrivare a Firenze io suggerisco sempre di iniziare la visita alla città proprio dalla Chiesa di Santa Maria Novella, che dà il nome alla stazione ferroviaria fiorentina  centrale che si trova di fronte. Da qui poi suggerisco di proseguire per il Borgo di San Lorenzo  con il suo famoso mercato ambulante e visitarne il complesso omonimo dove si trovano le tombe dei Medici  la potente famiglia che per secoli ha tenuto le redini economiche e politiche della città.

Impossibile non visitare poi il Duomo di Firenze  o Santa Maria al Fiore, e il Campanile di Giotto; su entrambi si può salire, e dalle loro sommità si ha visuali diverse della città! Piazza della Signoria , Palazzo Vecchio e la Galleria degli Uffizi  ( per la quale suggerisco di prenotare l’ entrata onde evitare lunghe file ).Attraversando il Ponte Vecchio simbolo stesso di Firenze, ci si trova nella zona dell’Oltrarno, con il Palazzo Pitti e i bellissimi e scenografici Giardini di Boboli.

Firenze dal Piazzale Michelangelo

Firenze dal Piazzale Michelangelo

Una chicca? Non perdetevi il tramonto dal Piazzale Michelangelo, la  terrazza per eccellenza su Firenze, e da cui godrete di un panorama impareggiabile! Per cenare a Firenze potete leggere i suggerimenti che vi ho scritto qui, e se invece siete degli estimatori del buon vino toscano leggete qui!

Se avete poco tempo per visitare Firenze un’ ottima idea può essere di affittare un segway, sono pratici, sicuri e soprattutto si possono usare anche nel centro storico! Ve ne ho parlato qui!

Firenze un buon bicchiere di vino rosso

Firenze un buon bicchiere di vino rosso

4° giorno/5°giorno Prato:  seconda città della Toscana per numero di abitanti, ma prima per il comparto produttivo è uno dei centri leader in Europa per il settore della lana; essa dista 35 km da Firenze e seppur preferisco Pistoia a Prato, ( sarà perché sono pistoiese?), mi rendo conto che la città pratese è più moderna e efficiente dal punto di vista turistico  rispetto a Pistoia, almeno riguardo alla presenza di più hotels con parcheggi interni! Quindi suggerisco di soggiornare a Prato come base e da li spostarsi per le città limitrofe.

Ovviamente una visita al centro storico di Prato merita sicuramente, esso è molto piccolo e basta una giornata per visitare la sua Piazza Duomo con l’omonimo Duomo  di Prato un importante esempio di architettura romanico-gotica, il Museo del Tessuto, il Palazzo Pretorio, il Palazzo Comunale, il Castello dell ‘Imperatore (importante lascito del passaggio dell’imperatore Federico II di Svevia) e infine il Museo d’Arte Contemporanea Luigi Pecci, uno dei più importanti centri  d’Italia! Per cenare potete leggere i miei suggerimenti qui.

Museo Pecci, un 'opera al suo interno Head On

Museo Pecci, un ‘opera al suo interno Head On

Pistoia dista solo 21 km da Prato e è la città che vanta un record italiano , in quanto tutt’oggi nella sua Piazza Duomo la piazza principale della città, coesistono ancora il potere legislativo ( presenza del Palazzo del Tribunale), potere ecclesiastico ( c’è la Cattedrale di San Zeno), e potere temporale ( presenza del Palazzo del Comune) . Una visita a questa piazza quindi è d’obbligo, come lo è l’entrata dentro alla Cattedrale dove c’è l’Altare Argenteo di San Jacopo, costruito appositamente per proteggere una reliquia del Santo , proveniente direttamente da Compostela. Pistoia infatti era una tappa dei pellegrini in viaggio verso il Cammino di Santiago di  Compostela, e San Jacopo è diventato anche il patrono della città a cui dedica un ‘intero mese di festeggiamenti a luglio e di cui vi ho parlato qui.

Pistoia, Cattedrale di San Zeno e il Campanile

Pistoia, Cattedrale di San Zeno e il Campanile

Vicino alla Cattedrale c’è il Campanile dalla cui altezza di  67 metri, in giornate limpide e terse, si gode di un panorama bellissimo di tutta la piana pistoiese, e addirittura è possibile vedere le sagome della cupola del Brunelleschi e del Campanile di Giotto della “vicina” Firenze! Prima di lasciare Pistoia non potete non fare il percorso della Pistoia Sotterranea che si snoda nel sottosuolo pistoiese seguendo l’alveo del fiume Brana e su cui è stata costruito secoli fa, l’Antico Ospedale del Ceppo , uno dei più longevi ospedali al mondo!Il giro turistico della città si snoda poi lungo le sue piccole e labirintiche stradine dall’assetto medioevale, fino alla Piazzetta degli Ortaggi e della Sala cuore della movida notturna pistoiese!Qui un pratico itinerario su cosa vedere a Pistoia in una giornata.

Pistoia, Cattedrale di San Zeno

Pistoia, Cattedrale di San Zeno

6°giorno/7°giorno Lucca: gli ultimi giorni di questo nostro tour  li ho dedicati alla città delle mura, fra le più antiche e longeve del mondo. Lucca è una cittadina tranquilla con una struttura urbanistica a scacchiera che dista solo 43 km da Pistoia. Il centro storico è caratterizzato da chiese romaniche e gotiche, torri e case medioevali, e tutto è perfettamente racchiuso nella cerchia muraria seicentesca. Una giornata  è più che sufficiente per visitarlo, e fra le cose imperdibili da non perdere c’è la Piazza Anfiteatro dalla particolare forma ovale con due entrate, la Torre delle Ore dalla cui sommità si può ammirare tutta la città,e poi una passeggiata lungo via Fillungo la via dello shopping per definizione!Per avere un’ idea di un tour giornaliero lucchese leggete qui.

Lucca, Piazza Anfiteatro

Lucca, Piazza Anfiteatro

Il secondo giorno a Lucca lo potete dedicare per andare al mare nella Versilia, il tratto di costa toscano fra i più modaioli d’Italia, non a caso le città di Forte dei Marmi, e Marina di Pietrasanta sono da sempre luogo di incontro per il jet set internazionale. Noi di solito facciamo la nostra vacanza rilassante al mare a Marina di Massa , ( dove i genitori di Alessio hanno una casa), e di cui vi ho parlato qua. Nei dintorni è molto bello poter visitare le Cave di Marmo da cui viene estratto il famoso Marmo di Carrara, ( qui l’articolo), oppure visitare il Castello dei Malaspina.

Marina di Massa, Castello di Malaspina

Marina di Massa, Castello di Malaspina

Se invece non avete voglia di andare al mare potete visitare le ville nobiliari della Lucchesia, per esempio Villa Garzoni e il famoso paese di Pinocchio a Colllodi. La Villa Garzoni ha uno dei giardini all’italiana fra i più belli del mondo, e è possibile visitarli con un biglietto cumulativo insieme al parco giochi di Pinocchio, ve ne ho parlato qui!

Spero con questo piccolo tour di avervi aiutato ad organizzare una visita nella Toscana più famosa !!

Se vi è piaciuto questo articolo e ci avete letto fino a qua, continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook per essere sempre informati sui nostri aggiornamenti.

Oppure se vi piacciono le nostre foto, seguiteci su Instagram!

Alla prossima

Elisa

www.girandolina.it

 

(Visualizzato 204 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.

I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.
avatar