Il Castello di Torrechiara a Parma informazioni per la visita

La passione per i Castelli credo di averla sempre avuta sin da piccina; ho sempre amato le storie e le leggende su principi e principesse, dame e cavalieri ,re e regine, e poter visitare i loro manieri, e vedere con i miei occhi il posto dove vivevano, teatro delle loro gesta, è sempre stato una grande emozione per me!

Castello di Torrechiara panorama

Castello di Torrechiara panorama

Nei nostri viaggi sia all ‘Estero che in Italia ho sempre cercato quindi di poter includere una visita ai castelli del luogo, così da incrementare la mia conoscenza in merito! Non a caso sul blog c’è una sezione apposita dedicata a tutti i castelli visitati finora!

L’ Italia è una nazione molto ricca di Castelli e manieri, ma c’è una particolare zona fra l’Appennino e il grande fiume Po, chiamato Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, che comprende ben 24 manieri da visitare, con anche 14 alloggi di charme fra le loro antiche mura, oltre ai tanti monumenti, musei , borghi storici e antiche abbazie!

Ogni castello è diverso dall’ altro sia per le fattezze, per l’architettura, per la zona e il paese dove sorge, e soprattutto per la storia e per le leggende che vi aleggiano intorno!Si possono visitare tutti ( e in alcuni è anche possibile dormire) e grazie alla particolare Card del Ducato, valida per un anno e acquistabile a ogni biglietteria di un castello,si ha particolari sconti sull’ ingresso , oltre ad avere una comoda mappa di tutto il Ducato! Tutte le info le trovate sul sito ufficiale!

Castello di Torrechiara Cortile d'Onore

Castello di Torrechiara Cortile d’Onore

Noi approfittando di una giornata libera, decidiamo di andare a visitare il Castello di Torrechiara, di proprietà dello Stato Italiano, si trova nel  Comune di Langhirano  a  circa 18 km da Parma; è uno tra gli esempi più significativi e meglio conservati dell ‘architettura castellana italiana .E’ molto particolare perché pur essendo in collina insieme al suo antico borgo a circa 800 metri dal Fondovalle dove scorre il torrente Parma, ha un impianto regolare tipico dei castelli in pianura,torrito e cinto da  mura in un elegante insieme.

Proprio la sua scenografica imponenza, gli ha permesso di essere la location per il celebre film Ladyhawke del 1985 con protagonisti i famosi attori Rutger Hauer, Michelle Pfeiffer e Matthew Broderick, usando il borgo medioevale di Torrechiara nelle scene del film.

Castello di Torrechiara panorama del fondovalle

Castello di Torrechiara panorama del fondovalle

Si può parcheggiare gratuitamente al piccolo parcheggio ( attenzione non è custodito quindi non lasciate niente di valore in auto) e si fa una piccola salita all’ ingresso del borgo ( 10 minuti a piedi).Il castello è aperto tutto l’ anno eccetto il lunedi  e l’entrata costa 3,00 euro a testa e si può girare liberamente per tutto l’edificio; esso fu fatto costruire tra il 1448 e il 1460 da Pier Maria Rossi, e l’ impianto originale è rimasto pressoche invariato nei secoli, perché il castello non fu concepito solo come fortezza difensiva, ma anche come residenza ufficiale, e questo lo ha preservato da stravolgimenti strutturali o aggiunte edilizie, come  spesso invece  accadeva nella maggior parte di castelli che all’ inizio erano nati come fortezze e poi erano stati trasformati in dimore nobiliari.

Castello di Torrechiara le Sale affrescate

Castello di Torrechiara le Sale affrescate

Si entra al  quadrangolare Cortile d’Onore, da cui si ha già una bellissima veduta d’insieme del Castello;poi la visita continua in una serie di sale affrescate a “grottesche”, ovvero i motivi tipici del XVI secolo. Ogni sala prende convenzionalmente il nome dalla decorazione più rilevante, quindi la Sala di Giove, del Pergolato, dei Paesaggi ecc.Salendo al piano superiore si arriva attraverso Il Salone degli Acrobati, alla camera forse più famose dell’ intero Castello, ovvero la Camera D’Oro, in cui è celebrato l’ amore tormentato fra Pier Maria e Bianca Pellegrini, conosciuta alla corte milanese dei Visconti; infatti i Rossi erano fortemente legati alla corte milanese e per questo Pier Maria vi fu mandato per ricevere una degna educazione sia culturale che militare. Fu talmente bravo al mestiere delle armi che ben presto divenne capitano di ventura dei Visconti  e conquistò innumerevoli territori a loro nome.

Castello di Torrechiara le formelle della Camera d'Oro

Castello di Torrechiara le formelle della Camera d’Oro

Come era consuetudine per quei tempi a 15 anni fu costretto a sposare Antonia Torelli, figlia dei Signori di Montechiarugolo, per legare le due famiglie confinanti e istituire così un accordo di non belligeranza, amando però ancora Bianca.Con Antonia ebbe 10 figli e quando ella si ritirò in convento, finalmente  arrivò il momento per i due amanti di vivere il loro amore, e Pier Maria fece costruire il Castello di Torrechiara per Bianca!

Castello di Torrechiara la Camera d'Oro

Castello di Torrechiara la Camera d’Oro

La Camera d’Oro, occupa l’intero primo piano della torre omonima, quella di nord-est. Era la camera da letto di Pier Maria Rossi, che la fece affrescare dal pittore Benedetto Bembo nel 1452. La stanza doveva avere anche funzioni di studiolo privato e era chiamata d’oro per le decorazioni a foglie d’oro che ricoprivano le formelle in cotto, che decoravano l’ intera stanza. Purtroppo questa decorazione non è più presente perché Pietro Cacciaguerra asportò tutto l’ oro e gli arredi originali.In tutta la stanza si possono ritrovare  gli stemmi dei due amanti, il leone rampante per Pier Maria, e un castello sull’ acqua per Bianca, oltre a tante formelle che inneggiano il loro amore, la più famosa delle quali è quella con una M in stile gotico che per la grafica può ricordare le lettere M e B sovrapposte) con un nastro con la scritta “nunc et semper”,(ora e per sempre) a celebrazione dell’amore di Bianca e Pier Maria.

Castello di Torrechiara la terrazza panoramica

Castello di Torrechiara la terrazza panoramica

La decorazione della volta è considerata una delle più eleganti e complete rappresentazioni del’ amor cortese in epoca medioevale… Nelle quattro vele della volta a crociera è la stessa Bianca a venir rappresentata nelle vesti di pellegrina ( in onore del suo cognome) che vaga per tutti i castelli del feudo rossiano alla ricerca del suo amore. E’ stupefacente come ognuna delle rocche e dei borghi è identificata con il nome, e ricreata con particolari realistici sia per quanto riguarda le strutture sia per l’ambientazione geografica!

Nelle lunette laterali viene celebrato l’incontro dei due amanti attraverso quattro scene ma la più bella in assoluto  è quella della lunetta nord l’ultima del ciclo, dove  vengono rappresentati Bianca e Pier Maria affiancati dai rispettivi castelli di Roccabianca e San Secondo, con al centro il Castello di Torrechiara, il loro nido d’amore.

Dalla terrazza della camera si può vedere tutto il panorama favoloso del fondovalle davanti al castello!

Se la storia di questi due innamorati vi piace, potete assistere alla visita Bianca vi guida, promossa dall’ Associazione Assapora Appennino che ogni domenica organizza delle visite guidate in costumi d’epoca attraverso le sale del castello, dove guide preparatissime vi spiegheranno e racconteranno i misteri e le leggende che ancora aleggiano intorno a questo castello…. Lo sapete che si dice che durante le notti di plenilunio si veda aggirare il fantasma del Conte Rossi, che si aggira ancora nei pressi del castello recitando il motto dedicato all’ amata Ora e per sempre?

I tortelli alle erbette della Tavola del Contado

I tortelli alle erbette della Tavola del Contado

Questa associazione ha  lo scopo di promuovere l’ intero territorio circostante dell ‘Appennino,  sostenendo i buonissimi prodotti locali che da queste parti sono ogni giorno sulla tavola di casa! Li potrete gustare presso il piccolo locale la Tavola del Contado, che si trova nella piazzetta principale del paese (Piazza Leoni 2), da cui passerete per andare la castello. Qui potete gustare i cibi genuini e sani della zona in un clima conviviale e intimo. Noi abbiamo assaggiato i tortelli di erbette tipici di questa zona insieme all’ immancabile Prosciutto di Parma. Ma potrete trovare altri prodotti rigorosamente biologici delle aziende agricole e  delle fattorie della zona, e se volete vi potranno anche essere spediti!

L’associazione promuove anche cooking class (l ‘arte di fare il cibo) in cui vi verrà spiegato il procedimento e la cucina tipica, o uscite giornaliere promosse dal Tour Operator Agenzia AA – Assapora Appennino … nata per consolidare il Turismo di Comunità grazie a guide esperte , come ad esempio l ‘ Alba sul crinale dell’Alta Val Parma

Per tutte le info consultate il sito ufficiale!

Castello di Torrechiara panorama

Castello di Torrechiara panorama

Quindi cosa aspettate ad andare a visitare il Castello di Torrechiara? Ne rimarrete affascinati come noi, e probabilmente con la voglia di scoprire gli altri castelli del Ducato!

Alla prossima

Elisa

www.girandolina.it

(Visualizzato 1.646 volte, 2 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

1
Lascia un commento.

I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
1 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
partyepartenze Recent comment authors
Più recenti Più vecchi Più votati
partyepartenze
Ospite

Adoro i castelli del Ducato, forse perchè le mie origini sono a Canossa… Ti consiglio quindi di andare a farti un giro proprio al castello di Canossa (quello che ne è rimasto) e soprattutto a quello di Rossena (di fronte)che ha persino un passaggio segreto…