I Musei di Firenze, guida ai 10 più importanti della città

Top Ten  dei 10 musei di Firenze più famosi

Firenze, capoluogo della regione Toscana, ex Capitale del Regno d’Italia per sei anni, dal 3 febbraio 1865 al 30 giugno 1871,città di belle arti, e culla del rinascimento italiano.

Questa credo che sia la perfetta descrizione di Firenze, che è a tutti gli effetti una delle città più importanti e conosciute d’Italia, e la cui bellezza ha varcato anche i confini nazionali, diventando un emblema del patrimonio artistico italiano nel mondo.

I suoi monumenti, i suoi palazzi e le sue piazze sono un forte richiamo per i tantissimi turisti, che ogni anno accorrano a frotte per poterli ammirare…..Ma la vera ricchezza di Firenze sono le tantissime opere di inestimabile valore racchiuse nei più famosi Musei di Firenze.

Musei più o meno conosciuti che anche io ho scoperto recentemente leggendo un articolo sul magazine di  Expedia Discover e di cui mi sono prefissata di visitare tutti insieme con Alessio nelle nostre domeniche a Firenze!

Alcuni ovviamente li conoscevo già, altri no, comunque vi ho fatto una piccola lista anche per voi, nel caso siate interessati a una visita culturale più approfondita delle opere immortali degli artisti che hanno fatto la Storia:

 

  1. Galleria degli Uffizi

Come si può non parlare per primo, del Museo che forse è il più importante e sicuramente il più famoso della città di Firenze ovvero la Galleria degli Uffizi?

I Musei di Firenze - Galleria degli Uffizi

I Musei di Firenze – Galleria degli Uffizi

Nata all’inizio nel 1560 per volere di Cosimo I de’ Medici, primo Granduca di Toscana, per accogliere gli “uffizi”, cioè gli uffici amministrativi e giudiziari della città, (da qui il nome Uffizi), divennero poi la sede della collezione privata di quadri e opere della potente famiglia , che con il passare degli anni accrebbe sempre di più arricchita continuamente da tutti i membri della dinastia.

Si iniziarono a collezionare opere e quadri dei più importanti artisti dell’epoca, come i celebri quadri di Piero della Francesca, Raffaello oppure la Venere e la Primavera di Botticelli .Oltre alle opere d’arte antiche e moderne furono accumulate anche  gemme ,pietre preziose, armi e perfino strumenti scientifici, fra i quali quelli appartenuti al grande Galileo Galilei, conservati con reverenza nell’apposito Camerino delle Matematiche.

Ma sicuramente il gioiello più importante di tutti gli Uffizi, era  la Tribuna la sala circolare rappresentazione alchemica dei Quattro Elementi, che poteva essere vista solo dagli ospiti più ragguardevoli.

I Musei di Firenze- La Tribuna

I Musei di Firenze- La Tribuna

Pensate che tutto questo enorme patrimonio avrebbe potuto andare disperso alla metà del XVIII secolo, quando purtroppo non ci furono più eredi legittimi maschi e si estinse il ramo principale dei Medici. L’ultima discendete e erede fu Anna Maria Luisa de’ Medici, che impose al nuovo granduca il famoso Patto di Famiglia del 1737, che legava per sempre l’eredità medicea a Firenze “per l’ornamento dello Stato, per l’utilità del pubblico e per attirare la curiosità dei forestieri”, corredando il documento con l’inventario completo e minuzioso di tutte le collezioni! Un importante documento arrivato fino a noi. Pochi anni dopo, la Galleria fu aperta al pubblico, grazie al volere del Granduca Pietro Leopoldo della  casa austriaca degli Asburgo-Lorena che avevano ereditato il Granducato toscano.

  1. Galleria dell’Accademia

La Galleria dell’Accademia è’ il quarto museo più visitato d’Italia dopo gli Uffizi,  e espone ai turisti la più importante collezione di sculture di Michelangelo al mondo, (se ne contano ben 7), fra cui la famosissima statua del David, la cui copia si trova all’entrata di Palazzo Vecchio.

In realtà all’interno della Galleria dell’Accademia ci sono tante altre cose da vedere come ad esempio i dipinti dei Primitivi Toscani, ma anche altre opere del Rinascimento e dell’ottocento, più un’interessante collezione di Icone Russe.

I Musei di Firenze - la statua del David davanti Palazzo Vecchio

I Musei di Firenze – la statua del David davanti Palazzo Vecchio

 

Chi ama la musica o ne è semplicemente appassionato, potrà ammirare la collezione di strumenti d’epoca degli Asburgo Lorena, che include diversi violini Stradivari  ( i più importanti al mondo)e il più antico pianoforte verticale esistente.

  1. Museo del Bargello

Il Museo Nazionale del Bargello il cui nome deriva dal palazzo del Bargello detto anche palazzo del Popolo, è un museo dedicato alla scultura. La sua collezione di statue prettamente del periodo rinascimentale, annovera capolavori di artisti quali Michelangelo, Donatello, Ghiberti, Cellini, Giambologna, Ammannati ed altri importanti scultori. Sono importanti da vedere anche le collezioni di armi e gioielli, ceramiche, avori e medaglie.

 

  1. Museo di Palazzo Vecchio

Il Palazzo Vecchio è il palazzo emblema e simbolo di Firenze, non a caso si trova nel cuore della città, in Piazza della Signoria, e è stato per secoli la residenza ufficiale della famiglia de Medici, dopo che Cosimo I ne decise il trasferimento dal Palazzo Medici-Riccardi.

I Musei di Firenze - Palazzo Vecchio

I Musei di Firenze – Palazzo Vecchio

Furono fatti dei lavori di ampliamento per assecondare il volere del nuovo signore di Firenze, per magnificare la potenza della famiglia, e furono chiamati a lavorarci  i più importanti artisti dell’epoca;  le bellissime sale del palazzo furono  così decorate e abbellite da artisti del calibro di  Donatello, Domenico Ghirlandaio, fino al magnifico Salone dei Cinquecento, fiore all’occhiello dell’intero palazzo, dove lavorarono niente meno che Pollaiolo e Vasari, Leonardo e Michelangelo. Dopo il nuovo trasferimento della famiglia De Medici presso Palazzo Pitti nell’Oltrarno, il Palazzo divenne Palazzo Vecchio.

I Musei di Firenze - Salone dei Cinquecento

I Musei di Firenze – Salone dei Cinquecento

 

  1. Museo delle Cappelle Medicee in San Lorenzo

Questo luogo è il luogo di sepoltura dei Granduchi di Toscana e dei loro familiari,  e vi sono sepolti quasi tutti i membri della casata ( circa 50); le Cappelle Medicee sono state ricavate da  alcune aree della basilica di San Lorenzo e hanno un entrata dal retro della chiesa, in piazza Madonna degli Aldobrandini.

La Sacrestia Nuova fu progettata da Michelangelo e è ornata da marmi e sculture, mentre è da vedere assolutamente  La Cappella dei Principi,  voluta da Cosimo I, è uno  sfarzoso ambiente ottagonale  sormontato dalla cupola di San Lorenzo, che con la sua altezza di 59 metri,  rivaleggia con la Cupola del Brunelleschi del Duomo di Firenze , arrivando seconda. Essa è stata decorata e impreziosita da tante gemme, madreperle e lapislazzuli, per la cui realizzazione fu creato l’antico Opificio delle Pietre Dure.

 

  1. Galleria Palatina di Palazzo Pitti

Su precisa richiesta dell’amata consorte del Granduca Cosimo I, ovvero la moglie Eleonora di Toledo, che  cagionevole di salute , si trovava male a vivere nell’affollato centro cittadino di Firenze nel Palazzo Vecchio, si decise di trasferirsi di nuovo verso l’Oltrarno, la zona di Firenze dalla  sponda opposta del fiume Arno , dove si pensava l’aria fosse più sana e salubre e quindi perfetta per la Granduchessa.

I Musei di Firenze - atrio Palazzo Pitti

I Musei di Firenze – atrio Palazzo Pitti

Il Palazzo Pitti era della famiglia Pitti, che caduta in disgrazia lo cedette volentieri ai Medici per risanare i debiti; così il palazzo divenne la nuova residenza ufficiale dei Medici che senza cambiarne il nome, dette origine alla rinascita di questa zona di Firenze, imitati da altri nobili che costruirono qui i loro palazzi nobiliari.

Palazzo Pitti è stato anche la residenza dei Re d’Italia, e ad oggi è il più ampio complesso monumentale della città ospitando ben otto musei. Dai magnifici saloni del palazzo, alla Galleria Palatina potrete ammirare capolavori del Rinascimento e del Barocco, con opere di Raffaello, Andrea del Sarto, Tiziano, Rubens, Caravaggio.

 

  1. Grande Museo del Duomo

Il Grande Museo del Duomo di Firenze racchiude il complesso sacro del Duomo di Firenze, il Battistero e il  Campanile di Giotto, con tutte le importantissime opere  di statuaria gotica e rinascimentale che si trovano all’interno di ognuno di questi monumenti.

Il Grande Museo del Duomo rappresenta ben settecento anni di storia: entrare in questi monumenti è come tornare indietro nel tempo, perché si possano ammirare le  opere di Donatello, Michelangelo, (con la Pietà Bandini), Ghiberti, ma anche visitare la Cattedrale e il Battistero di San Giovanni, oppure  salire sul Campanile trecentesco di Giotto  o sulla Cupola del Brunelleschi, e ammirare Firenze da diverse prospettive!

I Musei di Firenze - cupola del Brunelleschi

I Musei di Firenze – cupola del Brunelleschi

Vi ricordo che la salita a entrambi è molto faticosa, e piena di tantissimi scalini, ma quando si arriva alle loro sommità, il panorama che vedrete vi ripagherà di ogni fatica fatta!

 

  1. Museo della Natura Morta

Il Museo della Natura Morta è stato inaugurato recentemente nel 2007 nella Villa Medicea di Poggio a Caiano in provincia di Prato, non lontano da Firenze (circa 20 km).

Il piccolo museo, unico nel suo genere in Italia, racchiude 200 dipinti di natura morta che raccontano la storia di una grande collezione, la più importante d’Europa ,messa insieme con passione dai Granduchi di Toscana tra Seicento e Settecento, raccogliendo opere di artisti italiani, fiamminghi e olandesi.

La scelta  di avere la sede del museo in questa  Villa Medicea non è casuale: proprio qui  a Poggio a Caiano Ferdinando de’ Medici aveva raccolto la sua collezione.

 

  1. Galleria d’Arte Moderna e altri musei di Palazzo Pitti

All’interno di Palazzo Pitti , potrete fare un vero e proprio viaggio nell’arte italiana per i due secoli che vanno  dalla seconda metà del Settecento al Novecento,  e troverete opere di artisti quali di Antonio Canova, Francesco Hayez, Giovanni Boldini, Giacomo Balla, Filippo Tommaso Marinetti.

Se siete amanti della  storia della moda italiana potete visitare  la Galleria del Costume, fra argenti, porcellane e carrozze d’epoca in musei dedicati, oppure passeggiare  nel verde del Giardino di Boboli, ornato da statue, vialetti, labirinti , ammirando  uno dei più importanti esempi di giardino all’italiana.

  1. Museo Galileo

Nel Castello d’Altafronte, oggi Palazzo Castellani, è ospitato  il Museo Galileo che  conserva una delle raccolte di strumenti scientifici più rilevanti al mondo, collezionata dalla famiglia De Medici prima e dei Granduchi Asburgo Lorena dopo, ripercorre tutta la storia della fisica, chimica, astronomia geografia ecc come la vivevano e studiavano all’epoca, grazie anche ai preziosi strumenti originali!

Spero con questo articolo di avervi aiutato a decidere quale museo di Firenze visitare… Io per non sbagliare ho iniziato a visitarli tutti!!!

Alla prossima

Elisa

(Visualizzato 100 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.

I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.
avatar