Firenze guida della città : il Museo Archeologico di Firenze

 

Visita al Museo Archeologico di Firenze

Il Museo archeologico nazionale di Firenze si trova nel palazzo della Crocetta fatto costruire a suo tempo per  la principessa Maria Maddalena de’ Medici, in piazza Santissima Annunziata .Il museo (  purtroppo alla maggioranza dei turisti, sconosciuto,  in quanto  prediligono  gli strafamosi Ufizzi), raccoglie il meglio degli scavi di tutta la Toscana, con importantissimi reperti romani e etruschi ( fra cui la famosissima Chimera!), e altre raccolte relative ad altre civiltà, come una importante sezione greca e una egizia.

La Statua della Chimera , Museo Archeologico Firenze

La Statua della Chimera, Museo Archeologico Firenze

La collezione egizia, è talmente importante e vasta, tanto da rendere questo museo,  per la sezione egizia, il secondo d’ ordine d’ importanza, al  solo Museo Egizio di Torino,

La raccolta egiziana si trova al primo piano, in sale decorate con motivi egiziani e colonne a forma di fiori di loto; la collezione è nata grazie alle scoperte e  alle collezioni  di Schiapparelli ,noto archeologo, che nel  1903 inaugurò l’attività della missione archeologica italiana in Egitto, portando a termine e con successo, una quindicina di fruttuose campagne di scavi; la più importante di sicuro fu  la scoperta nel 1904 della splendida tomba di Nefertari, grande sposa reale di Ramesse II e una delle regine più influenti dell’Antico Egitto, considerata tra le tombe più belle della Valle delle Regine, e grazie alla quale , il signor Schiapparelli ottenne la fama e la gloria.

La collezione egiziana , Museo Archeologico Firenze

La collezione egiziana , Museo Archeologico Firenze

Nel 1906  scoprì nella necropoli di Tebe (Egitto),anche  la famosa tomba dell’architetto reale Kha, ancora  perfettamente intatta e con un ricco corredo funerario, splendidamente conservata al Museo Egizio di Torino.

Altri importanti reperti egiziani arrivarono a  Firenze, grazie  alle campagne di scavi di Ippolito Rosellini e Francois Champollion, lo scopritore del significato dei geroglifici,( grazie alla sua traduzione della Stele di Rosetta).

Tutti questi pezzi e oggetti dell’ Antico Egitto, coprono molte delle attività quotidiane dell ‘ epoca, e sono servite, per studiare appunto le gesta e le abitudine degli antichi egizi.

Il rilievo della Dea Maat, nella tomba di Sety I , Museo Archeologico Firenze

Il rilievo della Dea Maat, nella tomba di Sety I , Museo Archeologico Firenze

Nell’ intera collezione, ci sono dei pezzi di notevole pregio e valore, fra cui ad esempio, i modelli di due servitori, la macinatrice di grano e la donna che fa la birra risalenti dell’antico Egitto; oppure un pregevole ritratto femminile proveniente dalla necropoli di Al Fayum, che è  spesso raffigurato nei maggiori libri di storia egiziana.

Straordinario è il carro da caccia o da guerra, che è rimasto quasi intatto, risalente circa al XV secolo a.c., e il rilievo raffigurante la dea Maat, dalla tomba del faraone Sethy I ( padre del grande Ramses II) nella valle dei re, a Tebe.

L’ultima sala  è dedicata all’epoca finale della civiltà egizia e mantiene l’originale allestimento dell’ottocento. Nella sala delle mummie , è interessante  il corredo dalla tomba di una nutrice della figlia del faraone Taharqa (XXV dinastia) con due sarcofagi. È esposto qui anche l’involucro del corpo della donna chiamata Takherheb, in tela stuccata coperta di foglia d’oro.

Il sarcofago della nutrice di Taharqa, Museo Archeologico Firenze

Il sarcofago della nutrice di Taharqa , Museo Archeologico Firenze

Tra i reperti  anche una  ricca collezione di stoffe (tuniche, cuffie, calzini, frammenti di decorazione ecc) e numerosi oggetti legati alla vita quotidiana o alle usanze funebri, dell ‘arte copta.

Che dire, con solo 4 euro a testa, si è trasportati magicamente, in Egitto, e si ha la possibilità di apprezzare e conoscere, la seconda collezione egizia in Italia.

Se volete un consiglio, date un occhiata a questo sito,Bee My Guide  ci sono molte possibilità di vari e piccoli tour nella città di Firenze e altre città italiane, con guide specializzate e preparate a prezzi più che modici grazie al tour sharing!Noi dobbiamo ringraziare la nostra guida Valentina Calamandrei, bravissima e preparata!!!

Noi abbiamo avuto la visita guidata al Museo Archeologico di Firenze a solo 1 euro a testa!

#curiositàdaFirenze in Piazza Santissima Annunziata sulla base del monumento equestre di Ferdinando I sono raffigurate le cosiddette “api che non si contano”.Riuscirete a sfidare la leggenda e provare a dire quante sono?

Che dire, spero  con questa piccola guida di Firenze, di avervi aiutato un po’ di più a conoscere, una delle città più belle e famose al mondo…

Se vi è piaciuto questo articolo e ci avete letto fino a qua, continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook per essere sempre informati sui nostri aggiornamenti.

Oppure se vi piacciono le nostre foto, seguiteci su Instagram!

Alla prossima

Elisa

www.girandolina.it

(Visualizzato 531 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2
Lascia un commento.<br><h6> I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.</h6>

avatar
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Alessio Barontini Recent comment authors
Più recenti Più vecchi Più votati
Alessio Barontini
Membro
Alessio Barontini

Alla prossima occasione conteró senz’altro le api alla base del monumento di Ferdinando I

Alessio Barontini
Membro
Alessio Barontini

Molto utile la sezione degli articoli correlati. Brava!