Isole Borromee: aneddoti , curiosità e info utili per la visita

Visita alle Isole Borromee, Isola dei Pescatori e Parco Pallavicino del Golfo Borromeo

 

STRESA LA PERLA DEL LAGO MAGGIORE

Un ‘ottimo punto di partenza per iniziare a visitare il Golfo Borromeo e le sue bellezze, è sicuramente la piccola cittadina  di Stresa, situata all’estremità meridionale del Golfo, e alle pendici del Monte Mottarone, essendo la  più celebre stazione turistica del Lago Maggiore, è definita anche “La Perla del Lago Maggiore”.

La sua vocazione turistica si ebbe all’inizio del ventesimo secolo, quando i nobili del nord europea e inglesi vi soggiornarono durante i famosi Grand Tour Europei che tanto andavano di moda all’epoca nelle famiglie nobiliari.

In questo periodo si iniziarono anche a costruire sul lungolago gli alberghi più prestigiosi tutti circondati da parchi e giardini lussureggianti come l’ Hotel Astoria dove siamo stati anche noi.

Isole Borromee - Il pavone. simbolo di Stresa

Isole Borromee – Il pavone. simbolo di Stresa

Da allora Stresa ha mantenuto il suo fascino da Belle Epoque, adattandosi comunque  alle esigenze del nuovo turismo, diventando un importante  centro di premi letterari con settimane musicali e congressi.

Piazza Cadorna è la piazza principale  , punto di riferimento per i tanti turisti, attorniata da eleganti palazzi, con una miriade di negozi e locali.

Piazza Marconi invece è la piazza dove ha sede l’ufficio turistico e soprattutto l’imbarcadero da dove partono tutti i giorni i battelli per le escursioni alle Isole Borromee.

Una curiosità, grazie alla presenza di tanti pavoni sulle Isole, il pavone è il simbolo ufficiale della Città di Stresa!

COME RAGGIUNGERE LE ISOLE BORROMEE

Noi ci siamo affidati per il servizio traghetto verso le Isole a Stresa Tours – Consorzio Motoscafisti Associati di Stresa  essi partono ogni giorno  dal 22 marzo al 20 ottobre 2019 ( le date di apertura delle isole per quest’anno)  da Stresa alle ore 10:00, ultimo rientro dall’Isola Bella alle 18:00.

Corse ogni 30 minuti. Tutti gli altri orari dettagliati saranno comunicati a bordo. Non sono inclusi i Biglietti di ingresso all’Isola Bella e all’Isola Madre. La durata è di Circa 5 ore, ma si ha anche  la  possibilità di visita a piacere, come ad esempio la crociera sul lago, aperitivi e la possibilità di organizzare cerimonie e feste a bordo.

Isole Borromee - viale d'entrata dell'Isola Madre

Isole Borromee – viale d’entrata dell’Isola Madre

Ricordo che Il servizio non è garantito in caso di gravi condizioni meteo o vento forte, i bambini fino a 6 anni non pagano il biglietto e di presentarsi almeno 15 minuti prima della partenza.

COSA VEDERE ALLE  ISOLE BORROMEE

L’ ISOLA MADRE

L’Isola Madre, così chiamata per le sue dimensioni, è la più grande e la più distante dalla terraferma fra le Isole Borromee. Divenne proprietà della Famiglia Borromeo nel 1500 circa e due esponenti della casata Lancillotto e Renato decisero di farne una fastosa residenza.

Per far posto alle nuove costruzioni furono demoliti l’abitato preesistente insieme anche al santuario di San Vittore che dava il nome all’isola  (Isola Renata),e si creò poi nei secoli successivi il grandioso palazzo ancora presente con i mobili originali del seicento e del settecento insieme a molti ritratti dei Borromeo, e il famoso Teatrino delle marionette.

Fuori il palazzo c’è la Cappella privata della famiglia, dove sono state celebrate le nozze religiose fra Pierre Casiraghi e Beatrice Borromeo.

Isole Borromee - Cappella Borromeo Isola Madre

Isole Borromee – Cappella Borromeo Isola Madre

La maggior attrattiva dell’Isola Madre rimangono comunque i giardini con i suoi pavoni bianchi indiani e il famoso Cipresso del Kashmir, che con i suoi  25 metri di altezza, 8 metri di diametro del tronco e un peso complessivo di circa 25 tonnellate  è considerato il più grande e, secondo alcune fonti anche più vecchio esemplare della sua specie in tutta Europa, specie che, tra le altre cose, è in via di estinzione nella sua terra di origine, ai piedi dell’Himalaya.

Isole Borromee - Cipresso del Kashmir Isola Madre

Isole Borromee – Cipresso del Kashmir Isola Madre

A causa di una grossa tromba d’aria abbattutasi sulle isole nel 2006, si rischiò di perderlo, ma la famiglia Borromeo ha deciso di salvare questo esemplare ormai simbolo dell’isola da più di 2 secoli, puntellandolo al suolo con funi.

Isole Borromee -Salone d'entrata Palazzo Isola Madre

Isole Borromee -Salone d’entrata Palazzo Isola Madre

ISOLA BELLA

I lavori sull’Isola Bella iniziarono nella seconda metà del 1600 grazie a Vitaliano che acquistò tutti i terreni dell’isola e chiamò i più famosi architetti e artisti di gran fama dell’epoca per realizzare  il suo sogno, ovvero fare dell’isola un placido vascello sospeso nel lago.

Isole Borromee -Giardini Isola Bella

Isole Borromee -Giardini Isola Bella

In effetti la configurazione dell’isola, con il palazzo e i suoi giardini pensili in dieci terrazze sovrapposte come si pensa  erano i giardini babilonesi, danno questa impressione.

L’ Isola Bella venne inaugurata nel 1671 con una grande festa fastosa e da allora venne presa d’assalto da principi, re e imperatori che facevano a gara a soggiornarci, perché non avevano mai visto cotanta bellezza.

Materiali di pregio, arredamenti ricchi e sfarzosi furono usati anche per la costruzione del Palazzo Borromeo, che ancora vanta una bellezza senza pari, come il Salone Grande,il più bello e ampio del palazzo per le più solenni occasioni;

Isole Borromee -Sala del Trono Isola Bella

Isole Borromee -Sala del Trono Isola Bella

oppure la Sala del Trono di Carlo IV Borromeo con ancora intatti tutti i mobili e il trono stesso, o ancora la Sala di Napoleone Bonaparte, così chiamata perché ospitò proprio l’Imperatore e la moglie Giuseppina.

Su questa visita, se ne è parlato molto, perché sono stati lasciati molti manoscritti dai servitori….. Si dice che Napoleone pretese senza nessun preavviso di poter cenare e  soggiornare all’ interno del palazzo con la moglie, e con un seguito di 60 persone.

La confusione, la maleducazione e il comportamento di tutti rimasero impressi nella memoria dei servitori che ne rimasero scioccati, al punto da dire che era meglio avere ospiti un esercito di soldati  rispetto alla corte di Napoleone!

Molto belle e scenografiche sono sicuramente le Grotte, 6 ambienti  progettati dagli stessi architetti del palazzo, che servivano da luoghi di ristoro nelle calde giornate estive, ubicandole sotto il palazzo, con un arredamento e un atmosfera che ricordano i fondali marini con conchiglie e statue.

Isole Borromee -Giardini Terrazzo Superiore Isola Bella

Isole Borromee -Giardini Terrazzo Superiore Isola Bella

Dalla Galleria degli Arazzi si esce nei Giardini dell’Isola Bella, uno stupendo esempio di giardini all’ italiana articolati in 10 terrazze sovrapposte, con un colpo d’occhio meraviglioso grazie alla presenza di fontane, balaustre, aiuole, e pavoni che camminano tranquilli…..Sembra di essere nel giardino dell’Eden!

Quando si arriva al Piano del Teatro ,la zona più caratteristica del giardino ci troviamo davanti a un’originale costruzione  vagamente a forma di conchiglia, da qui si sale verso il Terrazzo Superiore con i suoi 37 metri sul Lago Maggiore, permette di avere una stupenda vista panoramica sul lago e i giardini.

ISOLA DEI PESCATORI

L’Isola dei Pescatori è separata dall’ Isola Bella da una piccola isola detta la Marghera e è raggiungibile a piedi dalle altre isole quando il livello delle acque del lago si abbassano.

Essa è molto piccola, con una superficie di circa 300 metri di lunghezza per 100 metri di larghezza e a differenza delle altre isole, non è di proprietà dei Borromeo, quindi non ha né palazzi nobiliari né giardini come principali attrattive turistiche.

Isole Borromee -Isola dei Pescatori

Isole Borromee -Isola dei Pescatori

E’ un semplice borgo di pescatori, abitato tutto l’anno, con meno di  100 residenti,che è  riuscito a mantenere intatta la bellezza autentica dei villaggi della zona, per questo merita una passeggiata e una visita, anche solo per i bellissimi scorci sul Lago Maggiore.

PARCO PALLAVICINO

Appena fuori Stresa lungo la strada litoranea sorge la Villa Pallavicino una residenza neo classica in stile ligure immersa in un meraviglioso parco aperto al pubblico.

Isole Borromee -Parco Pallavicino

Isole Borromee -Parco Pallavicino

L’edificio si innalza a circa 20 metri sul livello dell’acqua e è circondato intorno da un giardino realizzato in perfetto stile inglese con ampi viali e aiuole fiorite. Un’ampia porzione del parco è occupata dal giardino disposto in lieve pendenza con alberi antichi e  pregiati nel bosco con un piccolo ruscello.

Nella parte alta del parco si apre un giardino all’italiana a terrazze con grandi aiuole geometriche e una grande varietà di fiori colorati e un favoloso roseto.

 

Il vasto giardino ospita anche una sorta di zoo formato da grandi recinti in cui vivono lama, struzzi, canguri ecc, a cui è possibile avvicinarsi e accarezzare.

Isole Borromee -Parco Pallavicino

Isole Borromee -Parco Pallavicino

INFORMAZIONI PRATICHE

Apertura:

Le Isole Borromee ( Isola Bella , Isola Madre) sono visitabili dal 22 marzo al 20 ottobre 2019, i biglietti sono acquistabili online ( e ve lo suggerisco onde evitare lunghe file) direttamente al sito ufficiale , oppure direttamente alle casse.

Parco Pallavicino tutti i giorni dal 22 marzo al 3 novembre 2019.

Orario di visita :

Isola Bella, Isola Madre, dalle ore 9,00 alle ore 17,30 (ultimo ingresso).

Parco Pallavicino: dal 22 marzo al 29 settembre dalle ore 9.00 alle 17.30 (ultimo ingresso), chiusura del Parco ore 19.00. Dal 30 settembre al 3 novembre dalle ore 9.00 alle ore 16.30 (ultimo ingresso) con chiusura del parco alle ore 18.00.

Per i costi dei biglietti( ci sono di varie tipologie)  consultate il sito ufficiale

Isole Borromee - Parco Pallavicino

Isole Borromee – Parco Pallavicino

Ristorazione

Sulle due Isole sono presenti dei punti di ristoro con caffetteria e ristorante per poter mangiare.

Durata visita

Considerate un paio di ore per ogni Isola e per il Parco Pallavicino

Accessibilità

Sia le Isole che il Parco sono accessibili  con passeggini che con bimbi piccoli, i camminamenti non sono particolarmente ardui ( li ho fatti io al sesto mese di gravidanza)

Se vi è piaciuto questo articolo e ci avete letto fino a qua, continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook per essere sempre informati sui nostri aggiornamenti.

Oppure se vi piacciono le nostre foto, seguiteci su Instagram!

Abbiamo anche un bellissimo canale YouTube, volete viaggiare con noi attraverso i nostri video?

Alla prossima

Elisa

(Visualizzato 152 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.<br><h6> I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.</h6>

avatar