Un tour alternativo tra storie, leggende e vizi dei popoli

Dal nargilè al calumet passando per il sigaro cubano: un viaggio tra storie, leggende e vizi di popoli antichi e moderni

Il vizio del fumo è radicato nell’antichità e racconta di momenti preziosi e tradizioni solide come la roccia,* infatti nel passato il fumo era qualcosa di sacro. Intorno all’anno mille i sacerdoti Maya e Aztechi soffiavano il fumo verso il Sole al fine di comunicare con le divinità. La ‘nuvoletta’ di fumo era dunque uno strumento puramente religioso.

Gli stessi indigeni del sud America (come ampiamente scritto nei diari dei grandi viaggiatori e dei cronisti all’epoca della scoperta dell’America) usavano fumare il tabacco durante le loro cerimonie religiose

Fu lo stesso Cristoforo Colombo che portò in Europa la pianta del tabacco e fu promossa come pianta medicinale dall’ambasciatore portoghese Jean Nicot nel 1560, dandone il nome nicotina al suo principio attivo.

Da allora nel mondo del tabacco ne sono cambiate di cose, si sono evoluti e oggi, seduti nel salotto di un amico, potreste vedervi offerto un kit di sigaretta elettronica piuttosto che un lussuoso scrigno contenente sigari di Vuelta Abajo,!

La mia idea di oggi e di proporvi un viaggio diverso, un viaggio unconventional o, alla scoperta di riti antichi e moderni di popolazioni in giro per il mondo. Potreste prendere in considerazione l’idea di un tour che vi permetta non solo di conoscere posti meravigliosi, ma anche gli strumenti utilizzati; quindi se avrete la possibilità di visitare la Turchia, il Messico o Cuba, ben venga anche una serata tra narghilè, sigari e pipe di ottima qualità

Fumare narghilè a Cihangir, Istanbul

Cihangir è un pittoresco quartiere bohémien di Instanbul, in cui bere del tè nei diversi locali, ammirando gli scorci meravigliosi della città sulle terrazze colorate e ovviamente rilassarvi fumando il caratteristico narghilè. In passato quest’oggetto veniva costruito utilizzando una noce di cocco, canne di bambù e tubi e fumarlo era un rito comune che simboleggiava unione, condivisione, amicizia e fratellanza. Lo stesso Narghilè si può trovare in Egitto e si chiama Sheesha, e anche lì è una pratica molto diffusa e abituale fra gli egiziani. Oggi il narghilè viene fumato in diversi Paesi del mondo e la pratica è giunta anche in Occidente. Il fumo è prodotto utilizzando solitamente foglie di tabacco Virginia impregnate di melassa, che vengono appoggiate su una brace. Famosa e meno dannosa è la versione senza nicotina e arricchita da aromi di diversi gusti; questa è anche la tipologia che di solito viene più offerta ai turisti!

narghilè foto presa da eljadida

narghilè foto presa da eljadida

Scoprire il calumet sulla spiaggia di Acapulco

La spiaggia di Acapulco in Messico è una delle più belle del mondo e, qui si possono ammirare gli intrepidi e coraggiosi tuffatori che si lanciano dalla parete rocciosa di La Quebrada, a picco sul mare; per rilassarvi sulla spiaggia propongo di fumare un calumet, la pipa degli indiani dell’America Settentrionale; essi usavano fumarla soprattutto durante la stipulazione di accordi e la firma di trattati di pace e alleanza, come simbolo di condivisione e rispetto.

sigaro foto presa da enopress

sigaro foto presa da enopress

Un buon sigaro cubano e del whisky a Vuelta Abajo

Ultimamente Cuba, per ovvie ragioni, è presa d’assalto da migliaia di turisti che arrivano qui per cercare di godersi il sole e quelle stradine caratteristiche. Una delle cose più interessanti  di Cuba e forse anche fra le più famose, è ovviamente il sigaro cubano!

A Cuba questo sigaro è un istituzione e esistono molte aziende che lo producono; esso è un cilindro di foglie di tabacco seccate, fermentate e arrotolate, creato solitamente da fabbricanti di sigari con anni di esperienza nella produzione dei sigari. La tipologia più pregiata è proprio quella che troverete a Vuelta Abajo, anche se dopo la rivoluzione del 1959 le manifatture furono nazionalizzate e quindi la produzione si è spostata anche a Santo Domingo, Honduras e Nicaragua. ,

Comunque se vi trovate a Cuba non potete esimervi dal fumare un sigaro di Vuelta Abajo sorseggiando dell’ottimo whisky.!

 

Spero di avervi svelato dei piccoli retroscena che arricchiranno il vostro prossimo viaggio e vi facciano osservare l’esperienza del fumo come una vecchia tradizione ormai radicata tra le genti di tutto il mondo.

 

Alla prossima

Elisa

www.girandolina .it

 

*E’ un vizio che vede alla base una sostanza, la nicotina dannosa per la salute

Articolo scritto in collaborazione con GoVype, azienda che crea alternative migliori al fumo con la sigaretta elettronica per il futuro e una vasta gamma di aromi di qualità da mixare.

(Visualizzato 198 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.<br><h6> I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.</h6>

avatar