Pistoia Sotterranea e Museo Ospedale del Ceppo

Visita alle Gallerie di Pistoia Sotterranea,e il Museo dell’ Ospedale del Ceppo, e il suo Fregio della Robbia

Per chi mi segue sul blog, sa che io abito in un piccolo paesino vicino alla città di Pistoia, città che ultimamente sta avendo una grossa rivalutazione turistica, grazie , all’ impegno degli enti del Turismo e della loro promozione, ma soprattutto alla sua bellezza architettonica, che niente ha da invidiare alle famose città vicine di Firenze e Lucca.

Galleria-PistoiaSotterranea

Galleria-PistoiaSotterranea

Il centro storico di Pistoia, è prettamente medioevale, e la sua famosa Piazza Duomo, è considerata una delle più belle d’Italia; unica nel suo genere, in quanto racchiude in sé tutti  e 3 i poteri di uno Stato: Il potere Legislativo( Palazzo del Tribunale), potere esecutivo( Palazzo del Comune) e potere religioso ( Cattedrale di San Zeno/Duomo).

Pistoia ha moltissimi monumenti e musei interessanti da vedere e conoscere, e uno di questi è sicuramente l’ospedale del Ceppo che è un antico ospedale di Pistoia. Fondato nel XIII secolo , fino a 2 anni fa circa, è stato l’ ospedale cittadino; poi con l’ inaugurazione del nuovo ospedale, ha perso quella funzione che ha avuto per quasi otto secoli di ininterrotta attività!

Fu fondato secondo la tradizione nel 1277, e il nome appunto di Ospedale del Ceppo, deriva secondo leggenda, da un ritrovamento di un ceppo fiorito durante l’ inverno, secondo le indicazioni date dalla Madonna, che avrebbe mostrato dove fondare l’ ospedale ai coniugi Antimo e Bendinella.

Lavandaia-PistoiaSotterranea

Lavandaia-PistoiaSotterranea

L’Ospedale del Ceppo divenne l’ente ospedaliero principale della città durante l’epidemia di peste nera che colpì Pistoia nel 1348, e grazie ai vari lasciti ,che i ricoverati donavano con i loro testamento all’ Ospedale , ci si ritrovò al termine dell’epidemia  con un  vasto patrimonio immobiliare, e si iniziò a ampliare questo ospedale, iniziando  a costruirlo letteralmente sopra il fiume Brana che vi scorreva sotto, creando delle specie di gallerie con il soffitto a campana, che fungevano da “basamento” per l’ ospedale stesso.

Queste gallerie è possibile vistarle ora grazie a Pistoia Sotterranea, che vi accompagnerà insieme a una guida esperta, lungo tutto questo percorso che si snoda per circa 650 metri sotto all’Ospedale.

Il Frantoio-PistoiaSotterranea

Il Frantoio-PistoiaSotterranea

Questo è un vero  e proprio sito archeologico, e durante la visita, vi verranno spiegate  le varie fasi costruttive dell’Ospedale e la sua relazione con la città durante le differenze epoche storiche, con testimonianze anche antecedenti come un ponte romano, i lavatoi di origine medievale, una porta della città con relativo ponte di accesso e due interessanti mulini (il più antico risalente al XII secolo: frantoio del 1188).

Dopo questa prima parte, la visita prosegue attraverso le Sale storiche dell’Ospedale che testimoniano la grande tradizione medica della città: l’Anfiteatro Anatomico più piccolo del mondo, e per questo gioiello e eccellenza di Pistoia, perfettamente conservato dal momento della fondazione (1785).Esso veniva usato come sala di apprendimento, in cui il dottore professore, vivisezionava i cadaveri, davanti agli studenti seduti nelle apposite panchine circolari. E’ considerato il più piccolo, perché i posti presenti sono solo 10,e  è molto carino e suggestivo da vedere!

Teatro Anatomico Pistoia

Teatro Anatomico Pistoia

Si può visitare anche  la Sala dell’Accademia Medica “Filippo Pacini” in cui è conservata una ragguardevole collezione di strumenti chirurgici del XVIII e XIX secolo.

Entrambi i luoghi testimoniano i momenti in cui la medicina moderna  si è evoluta, verso le nuove conoscenze, e non a caso, proprio qui a Pistoia, venne creato uno strumento da taglio, affilatissimo,  chiamato “pistorienses gladii“:che altri non è che  il moderno bisturi!

Fregio della Robbia / ph Nicolò Begliomini

Fregio della Robbia / ph Nicolò Begliomini

 

Nel frattempo come già detto l’ Ospedale del Ceppo, crebbe oltre che di dimensione, anche di fama. A giusta ragione era considerato uno degli ospedali più innovativi e moderni dell’ epoca;basti pensare, che già a quei tempi, si era pensato di assegnare un singolo letto a ogni malato ( e non un letto per ¾ pazienti come negli altri ospedali),ognuno numerato, con il numero romano e arabo  e c’era la  divisione del reparto maschile e femminile.

Si cercava anche di evitare il più possibile la contaminazione e la proliferazione delle malattie, usando degli  accorgimenti, come usare delle particolari stoviglie di terracotta   di colore nero, per i malati di peste, che poi appena usate venivano gettate via, tramite una botola nel fiume Brana sottostante.

Fregio della Robbia / ph Nicolò Begliomini

Fregio della Robbia / ph Nicolò Begliomini

Dopo il passaggio di Pistoia sotto il dominio di Firenze nel 1401, fu rinnovato un decreto, in cui si dispose la figura dello  “spedalingo” come amministratore dell’ ospedale; negli anni questa figura è stata al centro di dispute fra le  famiglie potenti pistoiesi, fino  al famoso “spedalingo” fiorentino, Leonardo Buonafede, monaco certosino, che  fece realizzare il celebre fregio robbiano sulla facciata dell’ edificio, per dare un po’ più di monumentalità e importanza all’ ospedale stesso .

 

Fregio della Robbia / ph Nicolò Begliomini

Fregio della Robbia / ph Nicolò Begliomini

Leonardo Buonafede commissionò  la decorazione del loggiato con rilievi in ceramica invetriata a Benedetto Buglioni, che aveva già realizzato la lunetta con L’Incoronazione della Vergine, sopra il portale della corsia maschile. A Giovanni della Robbia  fu affidato l’ incarico di decorare i pennacchi degli archi con cinque medaglioni, raffiguranti L’ Annunciazione, la Visitazione, la Glorificazione di Maria e gli stemmi di Pistoia e del Ceppo.L’ ultimo impegno di raffigurare le  Sette Opere della Misericordia fu affidato a Santi Buglione.

Le Sette opere della Misericordia raffigurate nel fregio, raccontano con realismo quelle che erano le attività benefiche svolte nell’ Ospedale; cioè vestire gli ignudi ed assistere le vedove e gli orfani, ospitare i pellegrini, visitare gli infermi, visitare i carcerati, seppellire i morti, dar da mangiare agli affamati e dar da bere agli assetati. In ogni formella compare il committente Leonardo Buonafede, che oltre a esserne appunto il finanziatore dell’ opera, ne fu anche l’ideatore.

Fregio della Robbia / ph Nicolò Begliomini

Fregio della Robbia / ph Nicolò Begliomini

Grazie ai recenti restauri che si stanno svolgendo tuttora al Fregio Robbiano, è possibile visitare da vicino  le formelle, insieme a una guida specializzata, e assistere così all’ opera dei restauratori, che  stanno riportando a nuova vita questa bellissima opera. Intento del restauro è salvaguardare l’ opera d’ arte, realizzando le condizioni più idonee per la sua conservazione nel tempo, in relazione alla sua collocazione all’ aperto e esposta agli agenti atmosferici e all’ inquinamento urbano.

Tutti i giorni visite guidate negli orari 10.30-11.20 e 15.30-16.20 della durata di 40 minuti circa con possibilità di ulteriori visite su prenotazione.

Il prezzo € 6,50 intero, € 5 gruppi, € 3,50 ridotto ragazzi da 6 a 16 anni e over 65, € 3 per le scuole. I possessori del biglietto di visita al Fregio avranno diritto all’ingresso a prezzo ridotto a Pistoia Sotterranea, Museo e Rifugi SMI, Museo Ferrucciano.

Per informazioni e prenotazioni (vivamente consigliate) contattare Pistoia Sotterranea al numero 0573/368023 oppure scrivere all’indirizzo pistoiasotterranea@irsapt.it

Spero di esservi stata utile

Alla prossima

Elisa

www.girandolina.it

 

(Visualizzato 4.995 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.

I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.

2 Commenti su "Pistoia Sotterranea e Museo Ospedale del Ceppo"

avatar
Ordina per:   Più recenti | Più vecchi | Più votati
Anonimo
Ospite

Molto utile e benfatto.

wpDiscuz