Treni a vapore, le tratte storiche più belle e affascinanti d’Italia

Il treno è da sempre il mezzo di  locomozione fra i più affascinanti , sarà per il suo sferragliare lento e ipnotico, e lo scorrere del paesaggio che cambia lentamente dal finestrino della carrozza…..

Ma io l’ho sempre considerato molto romantico, ( come sono belli i saluti alla stazione  fra due innamorati ?)e anche comodo per coprire lunghe distanze  senza avere preoccupazioni , e ideale  se si parte insieme a tante persone per affrontare meglio  il viaggio .

Treni a vapore

Treni a vapore

Lasciando perdere le polemiche e le problematiche delle Ferrovie Italiane ,famose per i proverbiali ritardi, sapete che in Italia esistono tratte storiche e linee ferroviarie spesso effettuate da trenini storici a vapore, che attraversano letteralmente il nostro Paese, fra monti, valli, mare e litorali da favola, e di cui potrete ammirare i panorami comodamente seduti sui sedili di un vagone?

 

 1. Trenino Rosso del Bernina, la ferrovia più alta d’Europa.

Il Trenino Rosso del Bernina è considerata una delle linee ferroviarie più suggestive al Mondo, e per questo tutelata dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità.

La tratta collega la stazione di Tirano in provincia di Sondrio, a quella di St. Moritz, in Svizzera, superando  i 1824 metri di dislivello esistenti fra Tirano e Ospizio Bernina in soli 22 km in linea d’aria ed affrontando la pendenza del 70 % senza nessun ausilio di cremagliera, diventando per la ferrovia più alta d ‘Europa.

Treni a vapore, il Trenino rosso del Bernina

Treni a vapore, il Trenino rosso del Bernina

Il viaggio ha una durata di circa 3 ore, durante le quali vi scorrerà davanti agli occhi un panorama di una bellezza impareggiabile, che spazia fra paesaggi, orti e campi coltivati, fiumi, laghi, spazi desolati, ponti e viadotti incredibilmente eleganti, montagne innevate, scorci mozzafiato.

 

Per informazioni: www.treninorosso.it

 

  1. Transiberiana d’Italia, il treno del Parco della Majella

Questa linea transita nel Parco Nazionale della Majella, tra Abruzzo e Molise

E’ la ferrovia più alta e più spettacolare d’Italia, con la quale si  attraversa ben  70 km di parchi e riserve naturali, in territorio sia  abruzzese che molisano, mentre uno dei più spettacolari paesaggi italiani scorre davanti al vostro finestrino.

Si parte  da Sulmona con un vero treno storico con carrozze “centoporte” e “terrazzini” realizzate tra il 1920 e 1930, trainate dal locomotore, per poter rivivere tutta l’atmosfera di quasi un secolo fa; si  attraversa le maestose montagne nel Parco Nazionale della Majella, gli altipiani abruzzesi per poi entrare nel verde e selvaggio territorio dell’Alto Molise.

Treni a vapore

Treni a vapore

Durante il viaggio sono presenti guide di bordo dello staff che descrivono la storia della ferrovia e la geografia del territorio attraversato e musica popolare itinerante tra le carrozze per tutta la giornata. A terra, invece, oltre alla musica che fa sempre da cornice, stands gastronomici per assaporare la locale tradizione culinaria e visite guidate alla scoperta di musei, borghi antichi e tradizioni.

 

Per i biglietti e la disponibilità consultate il sito ufficiale https://www.latransiberianaditalia.com/

 

  1. L’Orient express delle Tre Valli, da Genova verso la montagna in treno

Linea Genova – Casella

Questa linea ferroviaria storica,  si snoda da Genova verso la montagna, per 25 meravigliosi chilometri, attraverso le valli dei torrenti Bisagno, Polcevera e Scrivia.

Pensate che  se la giornata è limpida guardando fuori dal finestrino, dall’alto dei costoni rocciosi, si può vedere tra il blu del mare, il monte di Portofino e persino la Corsica.

Treni a vapore

Treni a vapore

Anche qui le carrozze sono storiche , alcune delle quali risalgono al 1929, con le originali sedute in legno e le rifiniture in bronzo ed ottone.La carrozza bar, color blu e crema, con la macchina del caffè in vecchia foggia e abatjours sui tavolini, ricorda  con il suo design antico un mini Orient-Express.

 

Per informazioni: www.ferroviagenovacasella.it

 

  1. Il treno delle Dolomiti a bordo del trenino del Renon

.A bordo del piccolo trenino del Renon si è immersi nel grandioso paesaggio delle Dolomiti, tra i paesini più sperduti del Sudtirolo, i pascoli e i masi.

La tratta copre la distanza di circa 7 km fra Collalbo fino al comune di Santa Maria Assunta, passando anche davanti alle incredibili sculture rocciose nate dal lento lavoro di erosione del vento e del ghiaccio note come “camini delle fate “

Treni a vapore, trenino del Renon

Treni a vapore, trenino del Renon

Nel 1907, quando la tratta venne inaugurata, il Trenino del Renon era considerato un piccolo miracolo, perché finalmente si apriva una strada sicura che consentiva di trasportare merci e persone lungo i dorsi delle Dolomiti, da Bolzano fino ai paesini più sperduti del Sudtirolo.

Dalla città di Bolzano si può prendere  la Funivia del Renon, facendo il biglietto combinato Funivia più trenino a 15 euro a testa.

Per informazioni: Trenino del Renon

Treni a vapore, trenino del Renon

Treni a vapore, trenino del Renon

 

  1. Rotaie sulla lava, lungo la Circumetnea

La littorina circumetnea che, dal 1895, parte da Catania e si arrampica sui versanti dell’Etna

In Sicilia, a bordo del treno Circumetnea, che da Catania arriva a Riposto, passando a lato del Vulcano Etna, vi immergete in una natura incredibile, dai toni contrastanti e selvaggi: scorci sui crateri vulcanici da un’altitudine di quasi 1000 metri,  agrumeti e distese di lava nerissima, che, in alcuni casi, arrivano addirittura  a lambire la linea ferroviaria.

Fate sosta in piccole stazioni fuori dal tempo, come quella di Bronte, famoso per i suoi Pistacchi, oppure Rendazzo, antico centro di aspetto medioevale.

Per informazioni: www.circumetnea.it

 

  1. Attraversare la Val D’Orcia con il Treno Natura

Si attraversa la val d’Orcia, partendo da  Siena,  con un percorso di circa un’ ora e mezzo attraverso uno dei paesaggi italiani fra i  più famosi, Patrimonio Mondiale dell’Umanità, scorrere davanti al vostro finestrino: colline argillose dai colori caldi, borghi arroccati, bellissime stradine bianche costeggiate da cipressi, campi di girasoli.

Treni a vapore, Treno Natura

Treni a vapore, Treno Natura

Si può fare sosta in tutte le storiche stazioncine delle Crete, incastonate nella campagna come preziosi reperti di archeologia rurale.

Il Treno Natura vi trasporta indietro nel tempo, con le sue carrozze d’epoca in legno e, la locomotiva a vapore.

Se siete curiosi, guardate il nostro video girato a bordo del Treno Natura

Per informazioni: www.trenonatura.terresiena.it

 

  1. Corsa Selvaggia, sul Trenino Verde

Il Trenino Verde vi trasporta tra i paesaggi incontaminati dell’entroterra sardo, difficilmente raggiungibili con altri mezzi, dove non si avverte la presenza dell’uomo e il verde dei boschi vi avvolge completamente lo sguardo.

Un viaggio tra boschi, foreste pietrificate, Dolmen e siti archeologici e un modo alternativo per conoscere un paese come la Sardegna, famosa per lo più per il suo mare meraviglioso

 

La linea ferroviaria,  è stata realizzata a fine 800, si inserisce delicatamente nel paesaggio, assecondandone  la morfologia naturale dei luoghi ed aggira gli ostacoli senza gallerie.

 

Per maggiori informazioni: www.treninoverde.com

Treni a vapore

Treni a vapore

8 .La linea Trieste Opicina   (Fruili Venezia Giulia  alla Slovenia su un tram)

In realtà  non si tratta di un treno, ma di un tram ibrido, metà a trazione elettrica e metà con sistema funicolare, ma merita senza ombra di dubbio di essere menzionato  tra i viaggi più belli da fare in treno in Italia .

Questo piccolo tram , di solito costituito da un piccolo convoglio di una, al massimo due, carrozze, sale da Opicina , molto  lentamente e con una forte inclinazione da Piazza Oberdan, nel centro di Trieste, fino a Villa Opicina, piccolo centro da cui partono i treni per la Slovenia.

Il percorso all’inizio rasenta le case di Trieste, poi abbandona presto la città per immergersi nella fresca e lussureggiante vegetazione che lo circonda, lasciando intravedere improvvisi scorci di mare blu.

Un consiglio? Fate una breve sosta alla fermata Faro se volete fare delle fotografie del golfo di Trieste da un punto di vista privilegiato!

 

Se conoscete altre tratte ferroviarie storiche bellissime, scrivetelo nei commenti!

Al prossimo post

Se vi è piaciuto questo articolo e ci avete letto fino a qua, continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook per essere sempre informati sui nostri aggiornamenti.

Oppure se vi piacciono le nostre foto, seguiteci su Instagram!

Abbiamo anche un bellissimo canale YouTube, volete viaggiare con noi attraverso i nostri video?

Alla prossima

Elisa

 

(Visualizzato 16 volte, 1 oggi)
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento.<br><h6> I commenti inviati verranno moderati prima di essere pubblicati.</h6>

avatar